Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

E-commerce e innovazione, ecco a cosa serve la tecnologia SparkInit

pittogramma Zerouno

Digital360 Awards 2019

E-commerce e innovazione, ecco a cosa serve la tecnologia SparkInit

Presentato in occasione dei Digital360 Awards 2019, il progetto SparkInit e l’innovazione al servizio dell’e-commerce si pone l’obiettivo di offrire un’infrastruttura scalabile e sicura per i protagonisti del commercio elettronico, partner tecnologico dell’iniziativa è Pure Storage

19 Lug 2019

di Redazione

Scalabilità, alte prestazioni e affidabilità e sicurezza: sono tre esigenze fondamentali per gli attori che operano nel mondo dell’e-commerce e devono poter rispondere a picchi di domanda. Da questa consapevolezza nasce il progetto SparkInit e l’innovazione al servizio dell’e-commerce presentato in occasione dei Digital360 Awards 2019 e risultato finalista per la categoria tecnologica Soluzioni Infrastrutturali.

pure storage soluzioni infrastrutturali premiazione
Stefano Ferro di Sparkinit ritira la targa

Come nasce e cos’è SparkInit

SparkInit è la start up che incarna il progetto cloud high performance di Neen (un managed service provider focalizzato sulla progettazione e manutenzione di infrastrutture business critical in ambito Web e soprattutto e-commerce) e il desiderio di quest’ultimo di porsi come protagonista nazionale nel public cloud e DevOps.

In particolare, la promessa del cloud SparkInit è quella di permettere il deploy automaticamente e in pochi minuti di infrastrutture complesse (con load balancer, database as a service, storage as a service, eccetera), di evitare sprechi di risorse, erogando ai clienti soluzioni in auto-scaling, in grado di creare macchine virtuali in poche decine di secondi e container in pochi secondi, solo quando c’è reale necessità, oltre che di fornire soluzioni di disaster recovery e/o di business continuity as a service.

Il progetto si basa su un mix di soluzioni open source e non, in particolare, esso ha trovato un punto di riferimento in Pure Storage e nel suo approccio Evergreen Storage per garantire scalabilità senza disservizi e funzionalità QoS – Quality of service su uno storage full flash che consente di erogare ai clienti elevate performance in ambiente public cloud. In pratica, grazie alla soluzione all flash di Pure Storage, le prestazioni generali dei progetti sono aumentate mediamente del 25% e anche il consumo delle CPU si è ridotto di ~15% per effetto della riduzione della contesa sull’input/output.

Tra gli elementi distintivi che caratterizzano il progetto: la scelta di un modello applicativo a microservizi, che abilita il percorso verso l’innovazione; la focalizzazione e semplificazione dei servizi infrastrutturali nel cloud; il fatto di aver scommesso, per la componente storage, sulla eliminazione del tiering garantendo ai clienti eccellenza nelle prestazioni e costi compatibili con il business; la creazione di un modello di accounting e billing specificamente pensato per l’e-commerce; la disponibilità di una serie di servizi a corredo pensati appositamente per l’e-commerce quali audit, setup & migration; proactive and continuous security protection, 24/7 Proactive support service, Content delivery distribution e SEO Boost as-a-Service.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Argomenti trattati

Approfondimenti

Digital360 Awards
P
Public Cloud
E-commerce e innovazione, ecco a cosa serve la tecnologia SparkInit

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4