Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Quality Assurance (QA): le cose da sapere sui processi di controllo della qualità

pittogramma Zerouno

TechTarget Technology HowTo

Quality Assurance (QA): le cose da sapere sui processi di controllo della qualità

Il Quality Assurance è un processo sistematico che determina se un prodotto o un servizio soddisfino o meno una serie di requisiti specifici. Le garanzie di qualità possono essere diverse a seconda se riguardano lo sviluppo di un software o il rilascio di un prodotto industriale

24 Set 2019

di Laura Zanotti - Fonte TechTarget

Quality Assurance (QA) che, tradotto in italiano, equivale al risultato di un processo che garantisce un buon controllo qualità. Il suo significato intrinseco è di essere un paradigma che stabilisce e mantiene determinati requisiti relativi allo sviluppo o alla fabbricazione di prodotti affidabili. Un sistema di Quality Assurance ha lo scopo di aumentare la fiducia dei clienti e la credibilità di un’azienda, migliorando al contempo i processi di lavoro e l’efficienza, consentendo a un’organizzazione di competere meglio rispetto alle altre.

QA o QC (Quality Control)? Ecco le differenze

Quality Assurance e Quality Control spesso sono utilizzati come sinonimo, ma non è così. Sebbene i due concetti presentino alcune analogie, è necessario capire la differenza.

  • Che cos’è il Quality Assurance: il QA è un processo sistematico finalizzato a garantire che un prodotto soddisfi i requisiti specifici, fornendo delle linee guida generali utilizzate ovunque
  • Che cos’è il Quality Control: il controllo qualità è un processo incentrato sulla produzione che affronta altri problemi come, ad esempio, i processi di ispezione

Il QA, infatti, è un processo diverso dai test. Il Quality Assurance è più focalizzato sui processi e sulle procedure, mentre i test si concentrano sulla logistica dell’utilizzo di un prodotto al fine di individuarne i difetti. Il QA definisce gli standard relativi ai test per garantire che un prodotto soddisfi i requisiti aziendali definiti. I test comportano il processo più tattico di convalida della funzione di un prodotto e l’identificazione dei problemi.

In termini di sviluppo software, ad esempio, le pratiche di Quality Assurance cercano di prevenire il malfunzionamento del codice o dei prodotti, mentre il Control Quality implementa test volti alla risoluzione dei problemi e alla correzione del codice.

Storia della Quality Assurance e dell’ISO

A dire il vero gli storici hanno riscontrato concetti elementari di Quality Assurance utilizzati già in età medievale. L’importanza della QA è cresciuta durante la seconda guerra mondiale, in relazione alla necessità degli eserciti di controllare elevati volumi di munizioni.

L’ISO (International Organization for Standardization), fondata nel 1947 e con sede a Ginevra, è la più importante organizzazione mondiale per la definizione delle norme tecniche relative al controllo qualità ma anche alla mappatura dei processi utilizzati per l’implementazione. Per inciso, il primo standard è stato pubblicato nel 1951 e riguardava le temperature di riferimento da utilizzare per le misurazioni industriali.

Molte aziende utilizzano l’ISO 9000 per garantire che il loro sistema di garanzia della qualità sia attivo ed efficace.

Il QA non a caso viene associato all’ISO 9000, standard internazionale che definisce i requisiti per la realizzazione all’interno di un’organizzazione di un sistema di gestione della qualità per:

  • governare i processi aziendali
  • migliorare l’efficacia e l’efficienza dei prodotti
  • migliorare l’efficace e l’efficienza dei servizi
  • ottenere e incrementare la soddisfazione del cliente

L’ISO, in seguito è cresciuto gradualmente e ha ampliato il suo campo di applicazione degli standard. La famiglia di standard ISO 9000 è stata pubblicata nel 1987; ogni numero 9000 offre standard diversi per diversi scenari.

Standard di qualità

Gli standard QA sono cambiati nel tempo per rimanere aggiornati all’evoluzione del business.

L’ultima della serie ISO 9000 è la ISO 9001: 2015 e include una maggiore attenzione al cliente, così come pratiche di alta gestione in ottica evolutiva, finalizzate a mantenere il passo aziendale allineato a logiche di miglioramento continuo. Insieme a tutti i miglioramenti generali apportati alla ISO 9001, la ISO 9001: 2015 include miglioramenti alla sua struttura e maggiori informazioni per il processo decisionale basato sul rischio.

L’importanza della garanzia di qualità

Il concetto di Quality Assurance come pratica formalizzata è iniziato nel settore manifatturiero e da allora si è diffuso nella maggior parte dei settori, incluso quello della programmazione software. Il QA aiuta un’azienda a creare prodotti e servizi in grado di soddisfare le esigenze, le richieste e le aspettative dei clienti. Gli standard e le procedure definiti da un programma di garanzia della qualità aiutano a prevenire i difetti del prodotto prima che si presentino, garantendo così il valore dell’offerta.

QUALITY ASSURANCE

Quality Assurance: 3 metodi per garantire la qualità

Esistono tre metodologie che di Quality Assurance:

  1. Test di errore, che consiste nella verifica continua di un prodotto per determinare non solo se non riesce ma anche se si rompe. Per i prodotti fisici che devono resistere allo stress, questo tipo di test potrebbe comportare il collaudo del prodotto sotto calore, pressione o vibrazioni. Per i prodotti software, invece, i test di errore potrebbero comportare l’utilizzo dell’applicazione in condizioni di picco o di carico elevate.
  2. Controllo statistico di processo (SPC – Statistical process control), metodologia quasi centenaria, sviluppata a cavallo degli anni 20/30 da Walter Shewhart presso i Western Electric Company e Bell Telephone Laboratories, che si basa sull’utilizzo di dati e analisi oggettivi per elaborare statistiche utili a gestire e controllare la produzione di prodotti.
  3. Gestione della qualità totale (TQM – Total Quality Management), che applica metodi quantitativi come base per il miglioramento continuo. Il TQM si basa su fatti, dati e analisi per supportare la pianificazione del prodotto e le revisioni delle prestazioni.

Garanzia di qualità nel software

Il Software Quality Assurance (SQA) identifica in modo sistematico pattern e azioni necessarie a migliorare i cicli di sviluppo. La ricerca e la correzione degli errori di codifica possono comportare anche conseguenze indesiderate: ad esempio, può succedere che mentre si risolve una cosa, allo stesso tempo si vanno a interrompere altre caratteristiche o funzionalità del codice. Anche con i processi SQA attivi, infatti, un aggiornamento del software può compromettere altre funzionalità e causare difetti (comunemente noti come bug).

Strategie di SQA

Il SQA è diventato importante per gli sviluppatori come sistema utile ad evitare errori prima che questi si verifichino, il che consente di risparmiare tempo e spese di sviluppo.

Tra le strategie SQA più note gli esperti citano il Capability Maturity Model Integration (CMMI), un modello SQA incentrato sul miglioramento delle prestazioni. Il CMMI classifica i livelli di maturità delle aree all’interno di un’organizzazione e identifica le ottimizzazioni che possono essere utilizzate per il miglioramento. I livelli vanno dall’essere disorganizzati all’essere completamente ottimali.

Nel corso del tempo si sono sviluppate metodologie di sviluppo software che si basano sull’SQA, come Waterfall, Agile e Scrum. Ogni processo di sviluppo cerca di ottimizzare l’efficienza del lavoro.

Waterfall è il tradizionale approccio lineare allo sviluppo del software. Si tratta di un processo passo-passo che in genere comporta la raccolta dei requisiti, la formalizzazione di un progetto, l’implementazione del codice, il test del codice, la riparazione e il rilascio del codice. È spesso visto come troppo lento, motivo per cui sono stati costruiti metodi di sviluppo alternativi.

Agile software è una metodologia di sviluppo orientata al team in cui ogni fase del processo di lavoro viene affrontata come uno sprint. Lo sviluppo di software agile è altamente adattivo, ma è meno predittivo perché l’ambito del progetto può facilmente cambiare.

Scrum è una combinazione di entrambi i processi in cui gli sviluppatori sono suddivisi in team per gestire attività specifiche e ogni attività è suddivisa in più fasi.

Come implementare un processo di Quality Assurance

Per implementare un sistema di Quality Assurance è necessario innanzitutto impostare gli obiettivi dello standard. Bisogna tenere conto di come:

  • avvalersi dei vantaggi ma anche di accettare i compromessi di ciascun approccio
  • massimizzare l’efficacia
  • ridurre i costi
  • minimizzare gli errori

Il management deve essere disposto ad implementare le modifiche al processo e a lavorare insieme per supportare il sistema di QA e stabilire standard di qualità.

Chi sono e cosa fanno i professionisti della SQA

Nell’ambito del SQA possono lavorare ingegneri SQA, analisti SQA e addetti all’automazione dei test SQA. Gli ingegneri SQA monitorano e testano il software attraverso lo sviluppo. Un analista SQA monitorerà le implicazioni e le pratiche dell’SQA sui cicli di sviluppo del software. L’automazione del test SQA richiede la creazione di programmi per automatizzare il processo SQA. Questi programmi confrontano i risultati previsti con i risultati effettivi e vengono utilizzati in maniera costante.

Strumenti a supporto del SQA anche open source

I test del software sono parte integrante della garanzia della qualità del software. Il test consente di risparmiare tempo, fatica e costi e di produrre in modo ottimale un prodotto finale di qualità. Esistono numerosi strumenti e piattaforme software che gli sviluppatori possono utilizzare per automatizzare e orchestrare i test al fine di facilitare gli obiettivi SQA.

Selenium, ad esempio, è un programma di testing del software open source, capace di eseguire test in una varietà di linguaggi software popolari, come C #, Java e Python. Un altro programma open source, chiamato Jenkins, consente agli sviluppatori e al personale addetto al controllo qualità di eseguire e testare il codice in tempo reale. È adatto per un ambiente frenetico perché automatizza le attività relative alla costruzione e al collaudo del software. Per le app Web o le interfacce dei programmi applicativi (API), Postman è la soluzione che automatizza i test e li esegue. Postman è disponibile per Mac, Windows e Linux e può supportare la formattazione di Swagger e RAML.

Il controllo qualità viene utilizzato dall’industria

Di seguito sono riportati alcuni esempi di garanzia della qualità utilizzati dalle industrie:

Manufacturing – Il Manufatturiero ha formalizzato la Quality Assurance come disciplina fa si che i produttori si assicurino che qualsiasi prodotto creato o assemblata venga realizzato senza difetti, soddisfacendo specifiche e requisiti definiti.

Produzione alimentare – Questa industria utilizza, tra le altre tecniche, sistemi a raggi X per rilevare contaminanti fisici nel processo di produzione alimentare. I sistemi a raggi X assicurano che i contaminanti vengano rimossi ed eliminati prima che i prodotti escano dalla fabbrica.

Farmaceutico – Chimico e Farmaceutico utilizzano diversi approcci a supporto della Qualitt Assurance durante ogni fase dello sviluppo di un prodotto o di un farmaco. Attraverso le diverse fasi, i processi di QA includono la revisione dei documenti, l’approvazione della calibrazione delle apparecchiature, la revisione dei registri di addestramento, la revisione dei registri di produzione e le indagini sui rendimenti del mercato.

Quali sono i compiti del responsabile di QA

Il Responsabile di Quality Assurance coordina i servizi e le direzioni coinvolte nella fabbricazione dei prodotti o dei servizi, garantendo la documentazione, il controllo e l’efficienza del sistema di qualità. Le competenze che caratterizzano questa professione sono di tipo tecnico e manageriale. Tra i suoi compiti rientra di verificare l’esecuzione delle procedure di convalida dei processi produttivi, così come dell’ambiente e del personale, approvando tutti i relativi protocolli. Nel complesso sono necessarie capacità di analisi e di sintesi, di coordinamento e di gestione delle risorse umane. È inoltre molto importante per svolgere bene questo lavoro, conoscere e quindi sapersi muovere nei vari ambiti aziendali e saper lavorare in gruppo.

Pro e contro del QA

La qualità di prodotti e servizi è un fattore chiave di differenziazione competitiva. Il Quality Assurance aiuta a garantire che le organizzazioni creino e spediscano prodotti che siano privi di difetti e soddisfino le esigenze e le aspettative dei clienti. I prodotti di alta qualità generano clienti soddisfatti, che possono tradursi in fidelizzazione dei clienti, acquisti ripetuti, upselling ma anche sostegno e promozione.

Il QA può portare a riduzioni dei costi derivanti dalla prevenzione di difetti del prodotto. Se un prodotto viene spedito ai clienti e viene rilevato un difetto, un’organizzazione deve:

  • Farsi carico dei costi dell’assistenza clienti per gestire la reportistica sui difetti e la risoluzione dei problemi.
  • Accollarsi i costi per far fronte al difetto, come ad esempio, le ore di assistenza o di ingegneria per correggerlo, i test per la convalida della correzione e il budget per spedire il prodotto aggiornato sul mercato.

Il Quality Assurance richiede un investimento sostanziale a livello di persone e di processi. Le persone devono definire un flusso di lavoro e supervisionarne l’implementazione da parte dei membri di un team addetti alla qualità. Questo può richiedere molto tempo e influire sulla data di consegna dei prodotti. In conclusione, il Quality Assurance è un passo necessario che deve essere intrapreso per garantire ai mercati un prodotto di qualità. Senza il QA possono insorgere svantaggi più gravi, come i bug del prodotto e l’insoddisfazione o il rifiuto del prodotto da parte del mercato.

Z

Laura Zanotti - Fonte TechTarget

Giornalista

Ha iniziato a lavorare come technical writer e giornalista negli anni '80, collaborando con tutte le nascenti riviste di informatica e Telco. In oltre 30 anni di attività ha intervistato centinaia di Cio, Ceo e manager, raccontando le innovazioni, i problemi e le strategie vincenti delle imprese nazionali e multinazionali alle prese con la progressiva convergenza tra mondo analogico e digitale. E ancora oggi continua a farlo...

Argomenti trattati

Approfondimenti

Technology HowTo
Quality Assurance (QA): le cose da sapere sui processi di controllo della qualità

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4