Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

One Hitachi per la Social Innovation, scommettendo sull’IoT

pittogramma Zerouno

One Hitachi per la Social Innovation, scommettendo sull’IoT

16 Dic 2014

di Riccardo Cervelli

Hitachi Data Systems è sempre meno identificabile con il solo storage. Mantenendo sempre le tecnologie infrastrutturali It e di management come “gioielli di famiglia”, sta cavalcando i nuovi paradigmi che portano l’It a uscire in maniera crescente dai propri confini originali.

MILANO – Qualcuno pensa ancora a Hitachi Data Systems come un grande vendor di soluzioni storage di fascia alta per i datacenter? Se è così, sbaglia. Per anni questo è stato il suo posizionamento principale, ma già da tempo Hds si è aperta la strada in altri settori dello storage (fra i quali l’attualissimo object o content storage), nell’arena dei sistemi convergenti (soluzioni pre-integrate di server, networking e dischi dedicate ad applicazioni specifiche) e in quella del cloud (grazie anche ai suoi investimenti di lunga data nelle tecnologie di virtualizzazione e automazione).

Dario Pardi – Vice Presidente Emea Global Markets, Hds e Presidente, Hds Italia

Tuttavia anche questa sarebbe una visione limitata. Hds, infatti, è una delle componenti fondamentali di una strategia denominata One Hitachi. Hitachi è una galassia di oltre mille aziende che operano in quasi tutti i paesi del mondo, nei più svariati mercati verticali che hanno come comune denominatore la tecnologia. Si va dall’It e le Tlc, ovviamente, ai treni ad alta velocità; dai sistemi di diagnostica per immagini, alle turbine eoliche; dalle macchine per il settore costruzioni, ai sistemi per la difesa e tanto altro ancora.

“Il trend One Hitachi è iniziato circa due anni fa. E oggi è già possibile vedere annunci basati sul potenziale di sinergie fra Hds e altre aziende del gruppo e molti altri ne arriveranno in futuro”, spiega Dario Pardi, Vice Presidente Emea Global Markets e Presidente Hds Italia. Nel corso dell’ultimo Hitachi Innovation Forum, tenutosi recentemente a Milano e Roma, i manager di Hitachi Data Systems hanno dimostrato in vari modi le connessioni possibili fra One Hitachi e la “Social innovation”, la visione del futuro dell’It e del business secondo Hds. Un’evoluzione che porta l’It a uscire dai suoi confini tradizionali e che è resa possibile del convergere di paradigmi quali cloud, mobility, big data e Internet delle cose (IoT).

Walter Simonelli – Country General Manager, Hds Italia

A rimescolare le carte nel prossimo futuro sarà soprattutto l’IoT. Ma andiamo per ordine. “Oggi – spiega Walter Simonelli, Country General Manager, Hds Italia – la social innovation vede una forte spinta propulsiva da parte dei big data. Bisogna però distinguere i big data di oggi, prodotti soprattutto da sistemi online transazionali e social (di qui la forte crescita dei dati non strutturati) e i big data di domani. La maggior parte delle informazioni che genereranno big data nel futuro proverrà da macchine. E i machine data sono nel Dna di One Hitachi”. Pardi fa un esempio suggestivo: “In futuro le carrozzine dei bambini potrebbero essere dotate di sensori e alcune informazioni trasmesse potrebbero suggerire a un’azienda di prodotti per l’infanzia di progettare delle copertine antismog. La social innovation – puntualizza il presidente di Hds Italia – è anche un processo in cui si producono soluzioni innovative. Senza l’It tutto questo sarebbe impossibile”.

Fra le aree in cui Hds è impegnata nel segno di One Hitachi, cloud, internet delle cose e big, spiccano l’healthcare e la sicurezza fisica. Settori nei quali dispositivi dotati di indirizzi Ip e capacità di produrre autonomamente informazioni non mancano.

Riccardo Cervelli
Giornalista

57 anni, giornalista freelance divulgatore tecnico-scientifico, nell’ambito dell’Ict tratta soprattutto di temi legati alle infrastrutture (server, storage, networking), ai sistemi operativi commerciali e open source, alla cybersecurity e alla Unified Communications and Collaboration e all’Internet of Things.

Articolo 1 di 4