Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Network Function Virtualization, novità da Brocade

pittogramma Zerouno

Network Function Virtualization, novità da Brocade

23 Set 2013

di Redazione

Lanciato il nuovo router virtuale Vyatta vRouter 5600 rivolto alle reti di classe telco e ai service provider

Brocade arricchisce la gamma di prodotti dedicata alla Network Function Virtualization (Nfv) con il router virtuale Vyatta vRouter 5600 rivolto alle reti di classe telco e ai service provider. Studiato per lavorare con i più recenti server di rete x86 dotati di Network Interface Card (Nic) da 10 GbE grazie alla tecnologia proprietaria vPlane, è ideale per utilizzi quali routing Bgp (Border Gateway Protocol), offload Acl (Access Control List) e Virtual Bgp Route Reflection.

“Nei test proof-of-concept sui grandi carrier – spiega Kelly Herrell, vice president e general manager, Software Networking Business di Brocade – riscontriamo risparmi potenziali sui costi Capex del 90% e oltre, quando sostituiamo un elemento hardware con un server x86 a elevate prestazioni e il vRouter Brocade Vyatta. Il cambiamento di architettura di sistema è fondamentale per il raggiungimento di architetture di Nfv in cui i vantaggi Capex e Opex vanno di pari passo con i miglioramenti radicali nell’agilità dei servizi di rete e del time-to-service”.

Con questo lancio Brocade segna un ulteriore passo avanti in direzione della Nfv, che secondo gli analisti sta riscuotendo l'interesse generale dei carrier.

“Dalle nostre ricerche – commenta Michael Howard, Co-Founder e Principal Analyst di Infonetics -, i service provider globali credono che la Nfv rappresenti un cambio fondamentale nell’architettura di rete del mondo telco che apporterà benefici nell’efficienza operativa, ridurrà i tempi dei nuovi servizi e dei ritorni, oltre a contribuire al contenimento dei costi Capex”.

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in rivista, portale www.zerounoweb.it e una linea di incontri con gli utenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 4