Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Brocade: molti data center non sono pronti al cloud

pittogramma Zerouno

Brocade: molti data center non sono pronti al cloud

10 Lug 2013

di Redazione

Secondo una ricerca Vanson Bourne, il 91% delle aziende a livello mondiale ritiene la propria infrastruttura informativa inadeguata a sostenere le specifiche esigenze di networking imposte da virtualizzazione e cloud computing

Cloud e virtualizzazione sono tra le tematiche più "calde" dell'Information technology di oggi. Ma le aziende sono realmente preparate a cogliere le nuove opportunità tecnologiche e i relativi vantaggi di business? La ricerca a livello worldwide realizzata a metà 2013 da Vanson Bourne per conto di Brocade su un campione di 1.750 decision maker It, non offre una prospettiva incoraggiante: ci sono ancora molte le aziende che fanno affidamento su infrastrutture di data center obsolete, con un impatto significativo sulla produttività e sull’esperienza utente.

Nonostante i tre quarti delle aziende abbiano aggiornato il proprio ambiente It negli ultimi tre anni, il 91% degli intervistati afferma che la propria infrastruttura informatica abbia bisogno ancora di upgrade sostanziali per rispondere alle specifiche esigenze di networking imposte da fenomeni quali virtualizzazione e cloud computing. Ma non solo: un terzo degli intervistati ammette che la rete aziendale subisce settimanalmente numerosi guasti, proprio perché sottoposta alla pressione di continue richieste di banda e connettività (oggi i dipendenti accedono ai database dell'azienda attraverso dispositivi mobile, utilizzano applicazioni Ucc o di video conferencino ecc.).

Il 61% degli intervistati dichiara che le reti aziendali non sono adatte per gli obiettivi previsti, mentre il 41% ammette come il downtime di rete abbia avuto risvolti negativi sul business, derivanti da guadagni persi o da Sla non mantenuti, oltre che dalla perdita di fiducia da parte dei clienti. 

“Molti data center di oggi sono basati su tecnologie di venti anni fa e semplicemente non sono più in grado di rispondere alle esigenze attuali" è il commento di Jason Nolet, Vice President Data Center Switching and Routing di Brocade, che aggiunge: "La virtualizzazione e il cloud richiedono maggiori livelli di agilità e performance di rete, oltre che una riduzione dei costi operativi e della complessità”.

Ma esiste anche il rovescio delle medaglia, per cui molte aziende virtuose stanno facendo passi in avanti per realizzare ambienti di rete sempre più scalabili, con il 18% che utilizza già reti basate su fabric e il 51% che sta pianificando di implementare Ethernet fabric nel prossimo anno per supportare piani di virtualizzazione. Inoltre, molte organizzazioni puntano a reti di tipo Software defined networking (Sdn) entro il 2015.

Oltre due terzi degli intervistati ha affermato di accogliere con favore una topologia di data center on-demand, perché questo tipo di infrastruttura, combinando elementi di networking fisici e virtuali che possono fare il provisioning delle capacità (computing, rete, storage e servizi) richieste, è in grado di fornire applicazioni fondamentali più velocemente e facilmente rispetto alle reti legacy.

in questo scenario, si inserisce la vision di Brocade The On-Demand Data Center, che, secondo le affermazioni di Nolet, "permette di semplificare e automatizzare le reti, incrementando in modo significativo l’efficienza, l’utilizzo e le performance, e rappresenta un ulteriore step del percorso verso un’adozione massiccia dell’Sdn"

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in rivista, portale www.zerounoweb.it e una linea di incontri con gli utenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 3