Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Data management, arriva la nuova versione di Simpana

pittogramma Zerouno

Data management, arriva la nuova versione di Simpana

08 Apr 2013

di Arianna Leonardi

CommVault lancia la release 10 della piattaforma unificata per la gestione, protezione e conservazione delle informazioni aziendali. Tra le novità, un repository virtuale per l’accesso ai dati sempre e ovunque e un nuovo motore di workflow. Così il vendor punta sempre più al mercato enterprise

Un solo prodotto, 100% canale, zero acquisizioni, nessun lock-in: su questi capisaldi CommVault, specialista dell'information management, ha costruito la propria strategia di differenziazione, facendosi largo tra i Big dello storage e del backup. Così di anno in anno, di sviluppo in sviluppo, è arrivata la versione 10 di Simpana, la piattaforma unificata per la gestione, protezione e conservazione dei dati.

Una soluzione che secondo Cristian Meloni, PreSales & PS Manager di CommVault, “supera di fatto la semplice funzionalità di backup e risponde alle nuove esigenze legate a Byod, cloud e big data, nonché alle necessità di ediscovery [ovvero di gestire, ricercare e recuperare in modo più efficiente le informazioni archiviate elettronicamente, rispondendo agli obblighi di compliance, ndr]”. Tra le 300 novità introdotte dalla nuova release, infatti, vi è un repository virtuale, denominato ContentStore, dove vengono archiviati in sicurezza i dati aziendali, semplificando il modo in cui gli utenti ricercano, analizzano e riutilizzano file e informazioni, accessibili anche in mobilità. Miglioramenti inoltre sul fronte dello snapshot management con la funzionalità IntelliSnap, che offre il ripristino automatico di applicazioni e server virtuali con un livello esteso di compatibilità; è stata introdotta la funzionalità OnePass per Exchange, che facilita la conservazione di lungo termine dell’e-mail, facendo convergere backup, archiviazione e analisi in un unico processo, mentre il nuovo motore di workflow riduce gli errori di gestione e degli operatori, fornendo funzionalità drag-and-drop che semplificano e automatizzano i task ripetitivi. Il modulo Parallel deduplication è poi arrivato alla quarta generazione, raddoppiando performance e scalabilità grazie a una nuova architettura grid-based. Infine, tra le caratteristiche più significative, l’applicazione CommVault Edge per smartphone e tablet, che permette agli utenti di accedere ai dati personali tramite una nuova console web-based.

Cristian Meloni, PreSales & PS Manager di CommVault

Con Simpana 10, l'obiettivo del vendor, oggi fortemente focalizzato sul mid market, da cui deriva metà del fatturato italiano, è estendersi sempre più alla fascia enterprise. “Dal primo di aprile – ha commentato Meloni – abbiamo una nuova organizzazione, con una divisione dedicata all'Smb, una per le medie imprese e quattro indirizzate alle grandi aziende. Tra queste ultime, la unit rivolta  al settore bancario e finance è quella che ci sta dando maggiori soddisfazioni, mentre l'area delle Telco è la più difficile da consolidare”. Il piano di azione prevede, inoltre, un'accelerazione verso i mercati verticali, a partire dalla Sanità, ma nel mirino ci sono anche i service provider Iaas, visti come un'opportunità interessante per la fornitura di backup rivenduto ai propri clienti in modalità pay-per-use all'interno dei pacchetti contrattuali.

La nuova ricetta commerciale, comunque, non tradisce il dna su cui CommVault, basato sul canale, ha fondato la propria storia e che si sta dimostrando efficace anche in un periodo difficile di crisi globale (a livello worldwide il fatturato è cresciuto mediamente del 25% negli ultimi sette anni).

Forte di quattro partnership Oem con NetApp, Hitachi, Dell e Vmware, nonché della storica collaborazione con Microsoft (come ha ricordato Meloni, “Simpana è multipiattaforma, ma Windows centric, una scelta premiante rispetto ai competitor che hanno preferito Unix”), che oggi si declina anche con un'offerta Azure, il vendor ha recentemente dato il via a un accordo con Oracle, ma ci tiene a sottolineare la propria indipendenza: “Non imponiamo al cliente alcun vincolo sull'infrastruttura hardware né sulla componente software – ha puntualizzato Meloni -. Siamo totalmente liberi anche nello sviluppo del nostro prodotto: non abbiamo mai fatto acquisizioni tecnologiche, il che vuol dire nessun problema di integrazione tra le soluzioni. Rispetto ai competitor, offriamo una piattaforma completa e coerente, che include nativamente tutte le funzionalità necessarie al data management e viene aggiornata trimestralmente, con una nuova release che esce ogni due anni. Se con Simpana 9, siamo stati per un biennio al primo posto tra i leader del quadrante di Gartner relativo all'enteprise back up/recovery, con il rilascio della nuova versione, ci aspettiamo nuovi e importanti traguardi”.

Arianna Leonardi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 4