Analisi e workflow dei big data con NetApp E-Series | ZeroUno

Analisi e workflow dei big data con NetApp E-Series

pittogramma Zerouno

Analisi e workflow dei big data con NetApp E-Series

Configurabile e ottimizzata, la piattaforma storage aggiunge la cache Ssd e nuove funzionalità di rete e protezione dei dati per la gestione di carichi di lavoro data-intensive.

19 Dic 2012

di Redazione

NetApp ha annunciato alcuni miglioramenti alla piattaforma NetApp E-Series progettata per applicazioni a elevate performance e workflow data-intensive. La piattaforma aggiornata, in particolare, mira a porsi alla base di workflow applicativi ottimizzati in funzione delle performance e dell'alta capacità/disponibilità per mercati verticali critici come sanità, sicurezza, media & entertainment e i mercati che dipendono dall'high-performance computing, come ad esempio l'Oil & Gas, il settore manufatturiero e il settore pubblico.

Le nuove funzionalità incluse nell'ultimo aggiornamento del software di gestione NetApp SANtricity per E-Series comprendono: l'aggiunta di una cache Ssd per migliorare le performance, l'ampliamento del supporto alle interfacce di rete per connettività e flessibilità maggiori in modo da sfruttare più server e nuovi servizi di mirroring e replica per una maggiore protezione dei dati.

Dario Regazzoni, Direttore Tecnco di NetApp Italia

“La piattaforma NetApp E-Series è stata implementata negli ambienti più esigenti e ad alta intensità di dati”, spiega Dario Regazzoni, Direttore Tecnico di NetApp Italia. “Tali ambienti con carichi di lavoro specifici richiedono uno storage collaudato, versatile e in grado di offrire performance e scalabilità di alto livello senza costi elevati. Grazie a funzionalità come il supporto alla cache Ssd, la capacità di scalare fino a diversi petabyte e il miglioramento della protezione dei dati, la piattaforma E-Series può aiutare le organizzazioni ad accelerare l'innovazione e a ottenere più rapidamente informazioni da tradurre in azioni concrete”.

La cache Ssd consente di memorizzare automaticamente blocchi di dati ‘hot’ sui dischi a stato solido, in modo da poter accedere più rapidamente e migliorare le performance delle applicazioni. Per le esigenze di capacità o conservazione, i dati ad accesso meno frequente vengono memorizzati su Hdd, supporti più convenienti e di maggiore capacità. La cache Ssd abilita il tiering dello storage intelligente e consente di accedere più rapidamente ai dati delle applicazioni critiche, oltre a fornire una densità più conveniente per periodi di conservazione più lunghi. L'annuncio a supporto delle infrastrutture dedicate a carichi di lavoro per specifiche applicazioni segue la commercializzazione dei sistemi di storage midrange NetApp FAS3220 e FAS3250.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Argomenti trattati

Approfondimenti

I
Intelligenza Artificiale
R
Rete
S
Server
Analisi e workflow dei big data con NetApp E-Series

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4