Le 'software blade' Check Point disponibili con virtual appliance nel cloud | ZeroUno

Le ‘software blade’ Check Point disponibili con virtual appliance nel cloud

pittogramma Zerouno

Le ‘software blade’ Check Point disponibili con virtual appliance nel cloud

Le ‘software blade’ quali Firewall, Intrusion Prevention, Application Control, Url Filtering e molte altre, sono disponibili nel cloud sotto forma di virtual appliance

23 Gen 2012

di Nicoletta Boldrini

Check Point Software Technologies annuncia la disponibilità dei suoi gateway di sicurezza tramite Amazon Web Services (Aws).
Le aziende potranno implementare un’appliance virtuale Check Point – un gateway di sicurezza per gli ambienti virtuali – nel cloud di Amazon per attivare le protezioni necessarie a prevenire gli attacchi di rete e la perdita dei dati, abilitando nel contempo una connettività sicura in ambienti cloud dinamici.
Sia che un’azienda esegua tutte le operazioni di business su Aws o che utilizzi Aws per garantirsi una scalabilità flessibile, può raggiungere una sicurezza avanzata in pochi passi, implementando una policy unificata in grado di proteggere tutti gli asset aziendali presenti sull’infrastruttura cloud o su quella on site.
Ad esempio, organizzazioni diverse quali venditori online o istituti formativi possono sfruttare il cloud di Amazon per eseguire workload di produzione e gestire picchi stagionali di traffico web e di ordini dei clienti, mentre l’appliance virtuale di Check Point rafforza ulteriormente la protezione nell’infrastruttura cloud garantendo che tutti i dati e i canali di comunicazione business rimangano protetti.
Per mitigare i rischi derivanti da minacce sofisticate ed evitare che le informazioni riservate siano esposte senza protezione nel cloud, le aziende che scelgono Check Point possono beneficiare 'in the cloud' delle stesse soluzioni di sicurezza attualmente disponibili per le reti on site, con oltre 30 protezioni software blade, che includono Firewall, Ips, Virtual Private Network (Vpn), Application Control, Url Filtering, Mobile Access e Data Loss Prevention (Dlp), senza hardware aggiuntivo o complessità di gestione.

Nicoletta Boldrini

giornalista

Segue da molti anni le novità e gli impatti dell'Information Technology e, più recentemente, delle tecnologie esponenziali sulle aziende e sul loro modo di "fare business", nonché sulle persone e la società. Il suo motto: sempre in marcia a caccia di innovazione #Hunting4Innovation

Argomenti trattati

Approfondimenti

Firewall
H
Hardware
R
Rete
Le ‘software blade’ Check Point disponibili con virtual appliance nel cloud

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4