Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Smart working: quali sono i vantaggi?

pittogramma Zerouno

Executive Meeting

Smart working: quali sono i vantaggi?

10 Gen 2017

di Valentina Bucci

Fiorella Crespi, Direttore Osservatorio Smart Working, Politecnico di Milano durante l’Executive Meeting organizzato da ZeroUno e Hp sul tema dello smart working ha elencato i vantaggi che i lavoro agile porta alle aziende, alle persone e alla società.

Figura 1 – I benefici dello Smart Working – Fonte: Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano

Un approccio efficace al lavoro agile, ormai sempre più diffuso in Italia, permette di ottenere benefici su tre diversi livelli:

1) Vantaggi per le aziende: le persone diventano più produttive (“Le stime indicano un incremento mediamente del 20% dell’efficacia professionale”, dice Fiorella Crespi, Direttore Osservatorio Smart Working, Politecnico di Milano durante un Executive Meeting  di ZeroUno dedicato al lavoro agile); aumenta la capacità di attrarre i talenti che non risiedono vicino alla sede dell’azienda e vedono nello smart working la possibilità di organizzare i propri spostamenti in modo più flessibile; si riduce il tasso di assenteismo e di turnover poiché le persone possono sfruttare la flessibilità concessa loro per organizzare i propri impegni e conciliare meglio mondo privato e lavorativo.

Di questo servizio fanno parte anche i seguenti articoli:
LO SCENARIO – Smart working: di cosa hanno paura le aziende?
IL DIBATTITO – Smart Working: cosa pensano le aziende di normative, management, sicurezza
LE SOLUZIONI – Lo Smart working secondo Hp: ecco tre soluzioni

2) Vantaggi per le persone: migliora il “work-life balance” e aumenta la soddisfazione per il lavoro svolto e l’engagement rispetto alla propria azienda.

3) Vantaggi per la società: si sviluppano e vengono valorizzati gli spazi urbani per accogliere e supportare i lavoratori in mobilità (aeroporti, bar, biblioteche ecc.); la riduzione del pendolarismo abbatte inquinamento e traffico e ha impatti positivi per alcune categorie sociali: “Le donne, per esempio, possono più facilmente evitare situazioni di aut aut tra carriera professionale e vita personale – dice Crespi – Grazie al lavoro agile hanno gli strumenti per conciliare le due cose”.

Per approfondire queste tematiche vai alla sezione Collaboration & social networking di ZeroUno

Valentina Bucci
Giornalista

Giornalista pubblicista, per ZeroUno scrive dei cambiamenti che la digitalizzazione sta imponendo alle imprese sul piano tecnologico, organizzativo, culturale e segue in particolare i temi: Sicurezza Informatica, Smart Working, Collaboration, Big data, Iot. Master in Giornalismo e comunicazione istituzionale della scienza (Università di Ferrara), laurea specialistica in Culture Moderne Comparate (Università di Bergamo).

Articolo 1 di 5