Microsoft Teams for Eduation, ecco le nuove funzionalità

pittogramma Zerouno

News

Microsoft Teams for Eduation, ecco le nuove funzionalità

Per rispondere alle necessità delle scuole che emergono nello scenario di incertezza che si prospetta anche per l’autunno, il vendor ha innovato il suo prodotto per la didattica a distanza

17 Ago 2020

di Redazione

Microsoft ha comunicato di aver arricchito Teams di nuove funzionalità con l’obiettivo di sostenere al meglio docenti e studenti e di garantire una didattica a distanza sempre più efficace.

Lo scenario di adozione della didattica a distanza

Nel mondo sono oltre 150 milioni gli studenti, gli insegnanti e i leader istituzionali che usano i prodotti Microsoft Education e, in particolare, Microsoft Teams. Da marzo, una media di 25.000 educatori al giorno accede per la prima volta a Flipgrid, il social network per la condivisione di brevi video di docenti, insegnanti e genitori.

La funzionalità di Lettura Immersiva sta aiutando attualmente oltre 23 milioni di persone con dislessia o altri disturbi dell’apprendimento e in generale, dall’inizio del 2020 l’utilizzo di Windows Education ha raggiunto quota 40%.

In Italia, Microsoft Teams è utilizzato da oltre il 70% delle Università sia per la didattica sia, in questa situazione di emergenza, per le sessioni di laurea e gli esami, per esempio, all’Università di Messina, di Bergamo e Tor Vergata. Microsoft Teams è stata anche la piattaforma scelta per le giornate di orientamento: l’Università di Bologna ha visto il suo primo evento Alma Orienta tutto in digitale con quasi 33.000 partecipanti.

360digitalskill
Diventa un leader digitale: crea il percorso per te e il tuo team
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working

Per quanto riguarda invece la Scuola Primaria e Secondaria, sono oltre 100.000 gli insegnanti italiani che sono stati e continuano a essere formati in questi mesi sulle soluzioni per le lezioni e la didattica a distanza Microsoft.

Guardando al prossimo autunno

Un’indagine Microsoft ha rilevato che il 61% dei docenti nel mondo si aspetta per il prossimo autunno una modalità di insegnamento ancora ibrida, che unisce lezioni in presenza a lezioni a distanza per poter garantire ancora la massima sicurezza in termini di assembramenti e distanziamento sociale. L’87% inoltre dichiara che, anche una volta che la situazione sarà tornata alla piena normalità, il digitale sarà molto più utilizzato nella didattica che in passato.

Questo cambio di paradigma ha inevitabilmente fatto emergere la necessità di aiutare sempre più gli insegnanti ad accrescere nei propri studenti la motivazione e il senso di responsabilità in un contesto digitale sicuro.

Le nuove funzionalità di Microsoft Teams

Microsoft introdurrà nelle prossime settimane nuove features per Teams for Education tra cui: un’estensione del numero di partecipanti visibili da 9 a 49, per consentire agli insegnanti di poter vedere tutti i propri alunni; la possibilità di creare delle Breakout Room, ovvero dei gruppi di lavoro ristretti rispetto all’intera classe in modo che gli studenti possano lavorare insieme in gruppo anche a distanza; l’introduzione della funzionalità Alzare la mano per fare domande durante una lezione proprio come si fa in classe; nuove opzioni per i meeting tra cui la possibilità di integrare una Sala di Attesa dove il docente può dare accesso alla lezione solo agli studenti che devono effettivamente seguirla; la creazione, grazie all’integrazione di intelligenza artificiale e Data analytics, di report e insight utili sulla partecipazione degli studenti e il loro livello di interazione ed engagement.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Microsoft Teams for Eduation, ecco le nuove funzionalità

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4