Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

OVH apre 2 nuovi data center, focus sui servizi di public cloud

pittogramma Zerouno

News

OVH apre 2 nuovi data center, focus sui servizi di public cloud

25 Mar 2019

di Redazione

Basato sul software open source OpenStack, il public cloud OVH è così erogato a livello globale: i siti di Singapore e Sydney si aggiungono a quelli di Varsavia, Londra, Francoforte, Beauharnois, Strasburgo e Gravelines

Due nuovi data center nella regione Asia-Pacifico: sono stati inaugurati a Singapore e Sydney da OVH che oggi ha quindi 8 strutture nel mondo in 4 continenti.
Le aziende nella regione APAC possono ora godere dei vantaggi dell’utilizzo di infrastrutture locali per IaaS, come una migliore resilienza, migliori velocità di connessione e un trasferimento dati più rapido. Inoltre, questa espansione costituirà un valore aggiunto anche per i clienti in Europa, Medio Oriente e Africa (EMEA) che avranno la capacità di distribuire le risorse public cloud in APAC, oltre che in tutte le reti esistenti di OVH, abilitando così uno sviluppo su larga scala.

“Offrire un servizio rapido e affidabile ai nostri clienti – ha commentato Michel Paulin, CEO di OVH – è fondamentale per OVH. Con la disponibilità delle soluzioni public cloud nell’area Asia-Pacifico, ci impegniamo a sviluppare nuove tecnologie in questa regione e miriamo a supportare la crescita degli utenti cloud locali. Tutto ciò si sposa con la nostra strategia multi-locale, ponendo i data center fisicamente più vicini agli utenti finali. Questo porta vantaggi anche ai nostri clienti EMEA che intendono sviluppare business in APAC, dove OVH opera dal 2016”.

A seguito di questa espansione, OVH eroga il public cloud in tutto il mondo grazie ai siti presenti a Singapore, Sydney, Varsavia, Londra, Francoforte, Beauharnois, Strasburgo e Gravelines.

Basato sul software open source OpenStack, il public cloud OVH è semplice da utilizzare e di facile implementazione. Con un ampio portafoglio, a partire da istanze CPU/RAM bilanciate (per applicazioni web o aziendali) a elevate prestazioni di elaborazione (perfette per grandi database e big data) e passando per istanze GPU (progettate per applicazioni AI), OVH può supportare le aziende di ogni dimensione con prezzi altamente competitivi. Tutti i servizi disponibili nelle nuove regioni includeranno anche l’accesso alla rete mondiale di OVH di 16 Tbps e servizi anti-DDoS gratuiti. Sarà inoltre disponibile il servizio vRack, che consente di connettere i servizi di tutto il mondo in modo isolato, affinché gli utenti possano costruire complesse infrastrutture private multi-data center.

“È emozionante vedere un pioniere nelle infrastrutture come OVH – ha commentato Mark Collier, COO della OpenStack Foundation – sviluppare soluzioni OpenStack in quattro continenti, con oltre 260.000 istanze. Il coinvolgimento di OVH nella community OpenStack, attiva fin dal 2014, ha dimostrato che la collaborazione “aperta” funziona e assisteremo con piacere alla loro continua espansione in APAC nel 2019”.

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Argomenti trattati

Approfondimenti

D
data center
P
Public Cloud
OVH apre 2 nuovi data center, focus sui servizi di public cloud

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4