Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

L’ottimismo del canale Ict, ecco i trend registrati in tre Paesi europei

pittogramma Zerouno

News

L’ottimismo del canale Ict, ecco i trend registrati in tre Paesi europei

09 Mar 2017

di Redazione

Cloud e sicurezza sono i principali ambiti da cui i rivenditori italiani, inglesi e tedeschi si aspettano di ottenere un incremento dei loro risultati, maggiore incertezza invece è stata rilevata rispetto IoT e big data. Questi in sintesi i dati della ricerca commissionata da Citrix a Canalys per indagare su come la digital transformation stia incidendo sul business delle terze parti

Gli attori protagonisti del canale indiretto di vendita di soluzioni tecnologiche hanno espresso grande fiducia rispetto ai propri risultati di quest’anno. È quanto registrato dall’indagine commissionata da Citrix a Canalys (società di analisi di mercato specializzata in tecnologia) che ha coinvolto 267 realtà attive nel trade che hanno sede in Italia, Inghilterra e Germania. Per il 2017, infatti, l’89% degli intervistati si aspetta una crescita del fatturato rispetto all’anno scorso e l’85% un incremento del profitto.

A fronte del fatto che il 68% del campione ritiene di trovarsi in un momento di trasformazione, con quasi la metà (45%) che dichiara di voler rinnovare rapidamente le proprie attività  per tenere il passo con questo cambiamento del settore, un partner su cinque (20%) ha addirittura previsto una crescita del fatturato di oltre il 20% anno su anno, con un ulteriore quinto (21%) che crede che anche i margini di profitto raggiungeranno quote simili.

Entrando più nel dettaglio dei dati: il 73% si aspetta che quest’anno il fatturato cloud rappresenterà almeno il 10% dei ricavi. Dato da comparare al 58% dei partner che ha dichiarato che il fatturato in tale ambito nel 2016 è risultato essere sotto il 10% dei guadagni.

La fornitura di cloud o di servizi cloud in hosting e la rivendita di cloud di terze parti o di servizi cloud in hosting sono entrambi ritenuti importanti fattori di business da quasi la metà dei partner di canale (48% e 42% rispettivamente). Nonostante il 59% ritenga che la rivendita hardware e software on-premise rimarrà motore di crescita, il settore IT  sembra stia raggiungendo un momento di svolta nella vendita dei servizi cloud.

Diverse le opinioni invece in merito ad altre tecnologie emergenti: per esempio, il 39% dei partner ritiene l’IoT “importante” per il fatturato, il 36% “non importante” mentre l’11% confessa che non lo venderà nemmeno questo anno.

Il 30% crede invece che il fatturato Big Data crescerà meno del 10%, mentre ci si aspetta che il reddito dovuto alle applicazioni cloud e ai progetti di digital transformation crescerà di oltre il 20% (secondo il 30% e il 26 % dei partner, rispettivamente).

Infine, la stragrande maggioranza dei partner di canale (93%) si aspetta che i propri clienti aumentino le spese per la cybersecurity nel 2017.

“La nostra ricerca – ha commentato Alastair Edwards, Chief Analyst, Canalys – dimostra che i partner di canale stanno trasformando le loro attività per rispondere alle mutevoli esigenze dei clienti, al cambiamento dei budget verso il digitale e il cloud, e alla rapida evoluzione del mercato It. Mentre tutto ciò crea nuove sfide, il ruolo del canale indiretto diventa sempre più importante in quanto i clienti necessitano di supporto per orientarsi in questa esplosione di complessità dell’It, per integrare, gestire e proteggere gli ambienti It ibridi e utilizzare le tecnologie digitali a servizio del business. Nel 2017 i partner di canale dovrebbero investire nella propria capacità digitale, diventando fornitori di servizi sempre più professionali e costruendo soluzioni che li differenzino dalla concorrenza.”

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in rivista, portale www.zerounoweb.it e una linea di incontri con gli utenti.

Articolo 1 di 4