Cloud pubblico per i servizi finance, ecco la soluzione di IBM e Bank of America

pittogramma Zerouno

News

Cloud pubblico per i servizi finance, ecco la soluzione di IBM e Bank of America

La banca americana ha collaborato alla realizzazione della piattaforma mirata a soddisfare i requisiti di conformità normativa, sicurezza e resilienza necessari per il settore dei servizi finanziari

11 Nov 2019

di Redazione

Un cloud pubblico progettato per i servizi finanziari: è quello realizzato da IBM e adottato per la prima volta da Bank of America che ha anche collaborato a svilupparlo.

Sulla piattaforma, costruita su cloud pubblico di IBM e con tecnologia Red Hat Open Shift, saranno collocate applicazioni e carichi di lavoro chiave per supportare i requisiti e le aspettative di privacy e sicurezza dei 66 milioni di clienti della banca americana.

Il cloud pubblico è infatti stato pensato per soddisfare i requisiti delle istituzioni del settore rispetto a conformità normativa, sicurezza e resilienza. Il rispetto di tali requisiti sarà infatti facilitato quando le istituzioni finanziarie opereranno con i fornitori di tecnologia che soddisfatto i requisiti della piattaforma. Si tratta di una piattaforma di cloud pubblico specifica del settore in grado di fornire controlli, preventivi e compensativi, per i carichi di lavoro normativi dei servizi finanziari, supporto multi-architetturale e sicurezza proattiva e automatizzata, avvalendosi dei più alti livelli di certificazione di crittografia disponibili.

Questo cloud pubblico pensato per i servizi finanziari può potenzialmente consentire ai fornitori indipendenti di software e di software come servizio (SaaS) di concentrarsi sulle loro soluzioni e servizi offerti alle istituzioni finanziarie beneficiando dei controlli realizzati dalla piattaforma.

WEBINAR
Come (e perché) garantire la security by default con IT ibrido e multicloud
Cloud
Sicurezza

“Si tratta – ha commentato Cathy Bessant, Chief Operations and Technology Officer, Bank of America – di una delle più importanti collaborazioni nel settore dei servizi finanziari. Questa prima piattaforma del settore permetterà a Bank of America di utilizzare il cloud pubblico, mettendo la sicurezza dei dati, la resilienza, la privacy e le esigenze di sicurezza delle informazioni dei clienti in prima linea nel processo decisionale. Definendo uno standard che risponde alla preoccupazione di ospitare informazioni altamente riservate, puntiamo a portare il cloud pubblico a un livello di sicurezza senza pari”.

La collaborazione con IBM segna un ulteriore passo avanti del viaggio verso il cloud, della durata di sette anni, che Bank of America ha intrapreso e riflette l’impegno costante della banca verso la sicurezza e la privacy dei clienti bancari, offrendo al contempo l’opportunità di indirizzare i requisiti normativi e di conformità tipici di questo settore.

“Il cloud pubblico “ready” per i servizi finanziari – ha detto Bridget van Kralingen, Senior Vice President, Global Industries, Clients, Platforms & Blockchain, IBM – rappresenta l’impegno continuo promosso da Bank of America, IBM e Promontory nello sviluppo di un ecosistema tecnologico in cui le normative possono essere affrontate con maggiore efficacia ed efficienza. Insieme, aiuteremo le aziende del settore a soddisfare i loro requisiti di conformità, offrendo capacità altamente scalabili e standardizzate fondamentali per servire il moderno settore dei servizi finanziari di oggi”.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Argomenti trattati

Approfondimenti

Settore Finance
Cloud pubblico per i servizi finance, ecco la soluzione di IBM e Bank of America

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4