Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Smarter City Challenge, Ibm promuove l’innovazione della Pubblica Amministrazione

pittogramma Zerouno

Smarter City Challenge, Ibm promuove l’innovazione della Pubblica Amministrazione

14 Feb 2017

di Redazione

I responsabili dei governi locali dovranno inviare le loro proposte entro il 24 febbraio, i 10 vincitori saranno annunciati nella tarda primavera ed entro la metà del 2018 verrà loro offerto supporto dai consulenti Big Blue per implementare le strategie

Entro il 24 febbraio sarà possibile inviare a Ibm i progetti per partecipare alla competizione internazionale Smarter City Challenge, si tratta della settima edizione del contest lanciato da Ibm che selezionerà, tra le proposte redatte dai responsabili delle municipalità, 10 città e fornirà loro tecnologia e competenze per la risoluzione dei problemi dei governi locali aiutandoli a fornire i servizi essenziali in modo più efficiente ed efficace, distribuendoli in modo equo alla cittadinanza.

Ibm darà seguito alle proposte più sfidanti, valuterà le idee e annuncerà in tarda primavera i nomi dei 10 vincitori, che beneficeranno della consulenza pro bono entro la metà del 2018.

Le città selezionate accoglieranno un team di cinque o sei esperti Big Blue tra i più qualificati, che studieranno il caso per circa un mese. Durante le settimane di lavoro, essi saranno al fianco delle comunità e dei rappresentanti di governo per raccogliere ulteriori input. Quindi analizzeranno i dati e ne raccoglieranno le evidenze, per offrire supporto sotto forma di raccomandazioni sulle migliori strategie da adottare in futuro, la tipologia di strumenti necessari a governare i dati, la roadmap da seguire e i workshop necessari alla formazione del personale che dovrà poi portare a termine il progetto.

I vincitori delle scorse edizioni di Smarter Cities Challenge, che complessivamente ha messo a disposizione l’equivalente di 65 milioni di dollari in tecnologia e consulenza, hanno utilizzato i risultati ottenuti grazie al programma per migliorare i servizi sociali, la sicurezza pubblica, le opportunità economiche, la trasparenza statale, il coinvolgimento dei cittadini, l'offerta di alloggi economici, i trasporti e i servizi idrici ed energetici.

Come risultato dell’attuazione delle raccomandazioni innovative di Ibm, le città hanno visto un coronamento dei loro sforzi. Townsville, Australia ha guadagnato il prestigioso Premio Nazionale di Smart Infrastructure per un progetto che ha permesso la riduzione del consumo di acqua. Pingtung County, Taiwan ha vinto la 2015 Energy Smart Communities Initiative per la sua attuazione di una microgrid intelligente per le energie rinnovabili. E Cheongju, Corea ha ricevuto la citazione del Ministro della Pubblica Amministrazione e Sicurezza per le migliori pratiche in termini di efficienza di bilancio.

"Le città di tutto il mondo sono sotto un’enorme pressione quotidiana nell’affrontare le sfide crescenti con risorse sempre più limitate", ha detto Jennifer Crozier, vice presidente di IBM Global Citizenship Iniziative. "Spesso, non hanno accesso alle soluzioni tecnologiche più innovative e alle informazioni che potrebbero essere applicate per risolvere questi problemi e migliorare così i servizi. Non vediamo l'ora di condividere i dati, le analisi e le competenze in cognitive computing di IBM per contribuire a rendere i miglioramenti significativi e duraturi."

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in rivista, portale www.zerounoweb.it e una linea di incontri con gli utenti. Lo scopo di questa evoluzione va ricercato nell’esigenza di creare molteplici opportunità di trasmissione di informazioni e di confronti con operatori e aziende sul mercato per monitorare nel concreto le criticità le aspettative, i progetti Ict realizzati per supportare lo sviluppo del business d’impresa. Target: CIO (Chief Information Officer), responsabili di sistemi informativi, manager IT e manager business di funzione, consulenti.

Articolo 1 di 5