Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Pa e sostenibilità, che cosa ne pensano i dipendenti pubblici

pittogramma Zerouno

Pa e sostenibilità, che cosa ne pensano i dipendenti pubblici

02 Mag 2017

di Redazione

A Forum Pa 2017 verranno presentati tutti i dati dell’indagine “Pratiche di consumo sostenibile a lavoro”, nei primi risultati comunicati è descritta una situazione in cui c’è ancora molto da fare. E questo nonostante i dipendenti pubblici riconoscano che il Green public procurement possa rappresentare una preziosa occasione per dare impulso all’economia sostenibile

I dipendenti pubblici giudicano ancora insufficiente la sostenibilità delle pubbliche amministrazioni: sono proprio i lavoratori ad assegnare un voto che non raggiunge neanche il 5 alle politiche vigenti nei loro uffici in merito a questa tematica.

È quanto emerso dall’indagine Fpa sulle pratiche di consumo sostenibile che ha coinvolto circa 700 dipendenti pubblici (e 100 privati) che si è posta l’obiettivo di capire quanto siano green le organizzazioni e quanto sostenibili le scelte di consumo sul luogo di lavoro.

I risultati saranno presentati nel dettaglio durante Forum Pa 2017, ma tra i primi dati annunciati si legge che si è solo all’inizio del percorso che condurrà al Green public procurement, in quanto, per esempio, il 14,1% del campione ha dichiarato che la propria amministrazione ha introdotto i Cam (criteri ambientali minimi) nelle proprie procedure d’acquisto; sono inoltre ancora molto poche quelle che hanno formalizzato la politica degli acquisti sostenibili e che hanno organizzato iniziative di informazione e formazione al personale sulla sostenibilità (9,3%), che provvedono al monitoraggio degli acquisti verdi effettuati (7,4%) e soprattutto quelle che hanno definito chiaramente gli obiettivi e target da raggiungere (6,7%).

In questo panorama, le Regioni hanno ottenuto un risultato un poco migliore (anche se non arrivano alla sufficienza), anche in questo caso vi è dunque molto da fare, anche perché a tali enti il Pan Green Public Procurement (Piano d’azione per la sostenibilità dei consumi nel settore della pubblica amministrazione) assegna un ruolo strategico, imponendo di includere gli appalti verdi e sostenibili nella normativa regionale e di settore, oltre che nei programmi di spesa.

È interessante notare che oltre la metà del totale degli intervistati ritengono che il Green public procurement possa rappresentare una leva su cui fare forza per dare impulso all’economia e alla crescita sostenibile. E sono gli stessi dipendenti pubblici (l’82,7% degli interpellati) a sostenere che le pubbliche amministrazioni dovrebbero mettere in campo iniziative educative e di sensibilizzazione rispetto a tutto il personale.

“Il passaggio a un’economia sostenibile – ha commentato Gianni Dominici, direttore di Fpa – richiede un salto culturale forte. Da un lato è necessario dotare le pubbliche amministrazioni di competenze e strumenti adeguati, dall’altro ne va rafforzato il ruolo propulsivo e di sensibilizzazione rispetto alle scelte di consumo e produzione di cittadini e imprese, primi fra tutti i propri dipendenti. 14 occupati su 100 in Italia sono impiegati pubblici con proprie abitudini di consumo nell’attività lavorativa quotidiana. Se le amministrazioni saranno trainanti nel promuovere e incentivare i comportamenti sostenibili nei luoghi di lavoro, proprio dal settore pubblico potrà venire la ‘green revolution’”.

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in rivista, portale www.zerounoweb.it e una linea di incontri con gli utenti. Lo scopo di questa evoluzione va ricercato nell’esigenza di creare molteplici opportunità di trasmissione di informazioni e di confronti con operatori e aziende sul mercato per monitorare nel concreto le criticità le aspettative, i progetti Ict realizzati per supportare lo sviluppo del business d’impresa. Target: CIO (Chief Information Officer), responsabili di sistemi informativi, manager IT e manager business di funzione, consulenti.

Articolo 1 di 5