Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IoT, ecco la vision di Sap

pittogramma Zerouno

IoT, ecco la vision di Sap

04 Nov 2016

di Arianna Leonardi

Un’intervista a Nayaki Nayyar, Head of IoT Innovation del vendor tedesco, ha sottolineato alcuni spunti di riflessione su uno dei temi più caldi e attuali dell’It

Il progetto Sap-Trenitalia di predictive maintenance offre un esempio concreto dei benefici dell’Internet of Things, un settore strategico per il vendor tedesco che ha annunciato 2 miliardi di investimenti entro il 2021. La presentazione del case study a Pietrasanta (Napoli) è stata l’occasione per un’intervista di approfondimento a Nayaki Nayyar, Head of IoT Innovation di Sap.

Di questo servizio fa parte anche il seguente articolo:
IL CASO – Trenitalia, come abilitare una predictive maintenance con l’IoT

Nella strategia IoT della multinazionale, i partner sono la chiave di volta: “Se noi forniamo applicazioni verticali (ad esempio, per il settore manifatturiero o della logistica) e la piattaforma per integrare e analizzare i dati [Hana, ndr], aziende come Siemens, Hitachi, Hpe o Dell Emc forniscono gli apparati per abilitare la connessione alle cose”.

Nayaki Nayyar, Head of IoT Innovation di SAP

Secondo Nayyar, i settori più promettenti sono Logistica, Energia ed Healthcare. “Il Pharma, ad esempio, è un’area interessante perché vige l’obbligo di tracciamento dei materiali lungo la filiera. Il controllo e l’ottimizzazione dei consumi energetici è un altro use case di rilievo. Nella Sanità, i sistemi IoT permettono di monitorare e regolare il livello di glucosio nel sangue del paziente”.
Ma qual è la ricetta per intraprendere un percorso IoT di successo? “Innanzitutto – ha affermato Nayyar – bisogna individuare l’area a maggiore rendimento. Si parte con un progetto circoscritto e si misurano i ritorni in termini di risparmi sui costi o crescita del fatturato. Infine, se profittevole, si estende l’iniziativa ad altri ambiti”.
La sicurezza è una delle principali sfide, ma soprattutto “un aspetto di cui le aziende devono essere consapevoli e che va garantito a monte nelle fasi di raccolta, trasmissione, analisi e conservazione del dato”. Ma per liberare tutte le potenzialità dell’IoT occorre la standardizzazione del mercato. “Siamo ancora agli albori dello sviluppo tecnologico e applicativo – ha concluso Nayyar -. Nei prossimi 5-10 anni assisteremo a numerosi cambiamenti. Oggi proliferano protocolli, dispositivi, sistemi…, ma per scalare sarà necessaria la definizione di standard. Il settore sta andando in quella direzione e Sap, aderendo all’Industrial Internet Consortium, è impegnata in prima linea”.

Arianna Leonardi

IoT, ecco la vision di Sap

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 3