La sfida italiana: transizione digitale e cloud nazionale | ZeroUno

La sfida italiana: transizione digitale e cloud nazionale

pittogramma Zerouno

Attualità

La sfida italiana: transizione digitale e cloud nazionale

Mauro Minenna, già CIO e oggi Capo dipartimento per la trasformazione digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, fra gli special guest alla tre giorni che a Lazise, dal 30 settembre al 2 ottobre, riunirà i Digital360 Awards e il CIOsummIT. Il suo intervento, in un confronto con il presidente di FPA Carlo Mochi Sismondi, scandaglierà le sfide per imprese e pubblica amministrazione che pone la transizione digitale

29 Set 2021

di Veronica Balocco

“È una casa moderna per i dati degli italiani. La definirei così. Una casa flessibile, con stanze diverse, ma tutte con lo stesso livello di sicurezza”. Così, solo pochi giorni fa, il ministro per l’Innovazione tecnologica e la transizione digitale Vittorio Colao presentava ai giornalisti la “Strategia Cloud Italia”, il documento di indirizzo strategico per l’implementazione e il controllo del Cloud della Pubblica amministrazione. Un progetto “orientato a garantire al tempo stesso sicurezza, salvaguardia ma anche modernità, efficienza e stabilità a livello nazionale. “che contempera sia il mondo privato e quello pubblico”, chiariva.

La sfida del digitale per PA e imprese

Oggi di questo tema, e più diffusamente di transizione al digitale del Sistema Italia, si torna a parlare grazie a Digital360Awards e CIOSummit. Alla tre giorni che a Lazise, dal 30 settembre al 2 ottobre, riunirà la finale del contest che premia le iniziative digitali in Italia e l’agorà delle principali associazioni dei CIO prenderà parte anche Mauro Minenna, già CIO e oggi Capo dipartimento per la trasformazione digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, il quale, nella mattinata di sabato 2 ottobre, in un confronto con Carlo Mochi Sismondi, Presidente FPA, affronterà il tema: La sfida del digitale: imprese e pubblica amministrazione per l’innovazione e la competitività.

Secondo quanto dato sapere in base alle dichiarazioni di Colao, la strategia per l’implementazione del cloud nazionale si muove oggi lungo tre direttrici fondamentali: la creazione del Polo Strategico Nazionale (Psn), un’infrastruttura nazionale per l’erogazione di servizi cloud, la cui gestione e controllo di indirizzo saranno autonomi da fornitori extra Ue; un percorso di qualificazione dei fornitori di cloud pubblico e dei loro servizi per garantire che le caratteristiche e i livelli di servizio dichiarati siano in linea con i requisiti necessari di sicurezza, affidabilità e rispetto delle normative rilevanti. Infine lo sviluppo di una metodologia di classificazione dei dati e dei servizi gestiti dalle pubbliche amministrazioni, per permettere una migrazione di questi verso la soluzione cloud più opportuna (Psn) o cloud pubblico qualificato.

“Entro settembre – aveva chiarito il Ministro alla presentazione – ci aspettiamo che arrivino proposte per il polo strategico nazionale”, puntualizzando che possono partecipare al progetto tutte le aziende – big tech e non, italiane e non – ma sarà l’Italia a prendere il controllo delle regole in linea con quanto previsto anche dal perimetro cibernetico.

Inclusione, sostenibilità e diversity: leit motiv dell’evento

Questi temi fondamentali per il futuro del Paese si inseriscono in una cornice dedicata a inclusione, sostenibilità e diversity, focus dell’evento 2021.

“Le sfide che i CIO devono affrontare nella quotidianità sono rimaste sostanzialmente le stesse ma esacerbate da eventi di fortissimo impatto come la pandemia o il riscaldamento globale”, ha dichiarato Alberto Ronchi, CIO dell’Istituto Auxologico Italiano e Presidente di AISIS, associazione che insieme a AUSED, CIO AICA Forum, CIO Club Italia, CIOnet, FIDAInform e ASSI, è partner nella realizzazione dell’evento di Lazise. E ha proseguito: “E la possibilità di un confronto all’interno della nostra comunità è un valore importantissimo di crescita personale e di condivisione di esperienze per superare e gestire al meglio queste sfide. Tanto più se il confronto è non solo sui tradizionali temi tecnologici ma su temi trasversali, pervasivi e di fortissimo impatto come quelli proposti. La valorizzazione della diversità e la realizzazione di una vera inclusività sono temi intimamente legati e sono fondamentali perché arricchiscono le organizzazioni e le culture, ma soprattutto perché sono ancora temi sottovalutati: basti pensare, come esempio, alla difficoltà per le donne di una reale carriera confrontabile a quella dei colleghi maschi, anche ma non soltanto sotto il profilo della remunerazione. E non meno fondamentale è il tema della sostenibilità. Anche se la pensiamo solo limitata alla sostenibilità economica, e non alla ben più importante sostenibilità ecologica, è un tema chiave per ogni organizzazione che voglia sperare di operare a lungo e in modo profittevole.”

Veronica Balocco

Giornalista

Laureata in Scienze della Comunicazione nel 2003, con una tesi sullo scenario del giornalismo online italiano dei primi anni Duemila, è giornalista professionista dal 2007. Per quasi un ventennio ha lavorato per il bisettimanale Eco di Biella, testata storica dell’Unione industriale biellese, seguendo il classico percorso curricolare, da collaboratrice esterna a redattore ordinario. Addetta alle cronache dai paesi, si è specializzata nel giornalismo di montagna, maturando esperienze anche nell’organizzazione di eventi, nei rapporti con la stampa per protagonisti di primo piano e nella scrittura di libri e articoli per riviste specializzate. Oggi lavora come freelance ed è l’unica biellese fra i Soci accademici del Gruppo italiano scrittori di montagna. Di tecnologie, innovazione e digitalizzazione delle imprese scrive da qualche tempo in virtù della collaborazione con il Gruppo Digital360, per il quale redige articoli in particolare improntati sui vantaggi della dematerializzazione e sulle soluzioni più innovative a favore del business. In questo quadro, collabora anche con ZeroUno proponendo articoli che applicano la tecnica dello storytelling al racconto di un mondo in costante evoluzione.

Argomenti trattati

Approfondimenti

Digital360 Awards

Articolo 1 di 3