Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Veicoli a guida autonoma, aumenta la rapidità di elaborazione

pittogramma Zerouno

Digital360 Awards 2018

Veicoli a guida autonoma, aumenta la rapidità di elaborazione

12 Lug 2018

di Redazione

LLU-Pilot, progettato da Info Solution, è un dispositivo autopilota per mezzi terrestri capace di elaborare grandi quantità di dati per decidere rapidamente come comportarsi a seconda dei diversi percorsi, ostacoli ecc.


Rendere autonomo un veicolo terrestre in ambiente outdoor/militare permettendogli di essere capace di riconoscere e distinguere persone, animali e oggetti in movimento e prendere per ciascuna situazione la decisione più opportuna.

Con questo specifico obiettivo è nato LLU-Pilot, la soluzione che ha vinto il premio per la Categoria tecnologica Machine learning e intelligenza artificiale ai Digital360 Awards 2018 e presentata da Info Solution, realtà che si occupa di sviluppo software e di progettazione e realizzazione di sistemi elettronici complessi vantando venti anni di esperienza nei settori aerospazio e difesa, telecomunicazioni, automazione, elettromedicali. L’azienda, oltre ai servizi di consulenza, ha una divisione di Ricerca e Innovazione che ha realizzato le seguenti linee di prodotto: Cheonix, per i sistemi di smart metering; Kedos, soluzioni per la sanità; DA-RT, per i veicoli autonomi e unità intelligenti.

LLU-Pilot, che appartiene a quest’ultimo brand, è un dispositivo autopilota per veicoli terrestri che coniuga tre elementi fondamentali: rapidità di elaborazione, versatilità d’impiego, costo scalabile sul tipo di applicazione.

Tipicamente i dispositivi autopilota sul mercato hanno una intrinseca lentezza decisionale dovuta alla enorme quantità di dati da elaborare in input. LLU-Pilot è l’autopilota in grado di decidere in modo molto rapido, grazie alla implementazione di algoritmi di intelligenza artificiale nell’hardware che decidono in meno di 1 millisecondo, così da valorizzare le applicazioni complesse o critiche. Inoltre, LLU-Pilot può elaborare dati da una molteplicità di sensori in ingresso, caratteristica che lo rende flessibile e adattabile in diversi ambiti.

Questa soluzione è molto versatile anche dal punto di vista dei veicoli sui quali può essere installato: sia mezzi con ruote sterzanti sia su veicoli con cingoli.

Inoltre, il costo molto variabile, perché basato sul tipo di applicazione che se ne fa, consente a LLU-Pilot di lavorare in settori molto avanzati (per esempio in macchine per trasporto speciale, test driver eccetera) così come per applicazioni semplici (quali carrozzine elettriche, lavapavimenti e così via).

foto premiazione digital360 awards da-rt
Il momento della premiazione

Nello specifico, LLU-Pilot, oltre che su applicazioni militari, è stato impiegato in:

  • Roby Guard, un veicolo per la sorveglianza esterna di asset, come edifici sensibili, magazzini, industrie, eccetera;
  • BeN, un bed Mover che permette lo spostamento dei letti ospedalieri con paziente a bordo;
  • QUAD, un veicolo elettrico ad alta velocità;
  • SBE (Sea Bed Explorer), già in uso con la sensoristica, ma di prossima realizzazione come USV (Unmanned surface vehicles), ossia un sistema marino installabile a bordo di battelli capace di effettuare rilevamenti sottomarini;
  • un dimostratore tecnologico di un transpallet autonomo (il mezzo utilizzato per lo spostamento delle merci presenti sui pallet, in ambito produttivo e logistico).

L’architettura completa di LLU-Pilot prevede due unità di calcolo; una HLU (High Level Unit) che elabora la missione specifica dell’applicazione, ossia algoritmi di intelligenza artificiale per la detection, tracking, planning del percorso; attività svolte via software; una unità di guida LLU che si occupa di guida autonoma su percorso predefinito, guida assistita, evitamento ostacoli, identificazione di buche, fili d’erba e così via.

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in rivista, portale www.zerounoweb.it e una linea di incontri con gli utenti.

Argomenti trattati

Approfondimenti

Digital360 Awards
M
Machine Learning
Veicoli a guida autonoma, aumenta la rapidità di elaborazione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4