Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Con l’intelligenza artificiale, le utility prendono il volo

pittogramma Zerouno

Mercati

Con l’intelligenza artificiale, le utility prendono il volo

06 Lug 2018

di Michele Mornese

Bilanciare dinamicamente la produzione di energia per soddisfare le esigenze dei consumatori, prevedere picchi di domanda e ispezione a distanza degli impianti: sono solo alcune delle opportunità che l’intelligenza artificiale apre nel mercato delle utility

L’intelligenza artificiale applicata alle utility può consentire risparmi e ottimizzazione delle forniture alle utenze. Il valore si trova in tutti gli anelli della supply chain, dalla generazione dell’energia all’erogazione per gli utenti finali: le principali opportunità riguardano machine learning, robotica e automazione a livello di decision making.

È quanto emerge dallo studio del McKinsey Global Institute Artificial Intelligence: The next digital frontier? che mette in luce una serie di business case esemplari per quanto riguarda l’adozione di tecnologie e algoritmi di intelligenza artificiale, definita dal possesso di capacità elaborative simili a quelle dell’uomo.

Una delle applicazioni più interessanti sono le smart grid, in grado di bilanciare dinamicamente la produzione di energia per soddisfare le esigenze dei consumatori e aprire nuove opportunità di business agli stessi utenti: è il concetto di “prosumer”, ovvero il consumatore a sua volta in grado di rivendere alla rete elettrica la propria energia in eccesso.

intelligenza artificiale nelle utility
L’utilizzo di tecnologie di intelligenza artificiale nelle utility – Fonte: McKinsey Global Institute, 2018

Dai parchi eolici al termostato di casa

Nei parchi eolici, le applicazioni di intelligenza artificiale vedono in campo sensori e sistemi di machine learning, che consentono di bilanciare la produzione anche by-the-minute massimizzando il rendimento della struttura in relazione alla forza del vento. Permettono inoltre di prevedere i picchi di domanda e di gestire al meglio l’erogazione di energia, mentre robot e droni ispezionano le turbine senza provocare interruzioni di servizio. L’intelligenza artificiale può essere usata anche per assegnare ai clienti un assistente virtuale che dia consigli in base ai dati di consumo. Nest, un’azienda di Google, ha messo sul mercato termostati dotati di Wifi per creare un sistema di riscaldamento personalizzato che non ha bisogno dell’intervento umano.

Michele Mornese
Giornalista

Giornalista pubblicista, svolge attività professionale da una quindicina d'anni. Ha al suo attivo collaborazioni con gruppi di rilievo nazionale e internazionale in vari settori, dall'ICT alla formazione linguistica, alla riorganizzazione aziendale, e con associazioni specializzate in ambito sportivo, per le quali ha realizzato reportage e interviste legate al mondo della montagna. Si interessa di tutto ciò che riguarda la comunicazione e l'impatto delle nuove tecnologie per il vivere connesso. Ha vissuto a Londra e a Sydney e viaggiato in diversi paesi nel mondo.

Con l’intelligenza artificiale, le utility prendono il volo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4