Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

AI, svolta nel retail: marketing targettizzato e una nuova user experience

pittogramma Zerouno

Mercati

AI, svolta nel retail: marketing targettizzato e una nuova user experience

23 Mag 2018

di Michele Mornese

Promozioni targettizzate, assortimento dei prodotti e ordinativi della merce: sono i tre ambiti dove maggiori sono oggi le opportunità offerte da soluzioni di intelligenza artificiale nel mondo retail. È l’analisi che emerge da uno studio McKinsey su queste tematiche.

La survey del McKinsey Global Institute, Artificial Intelligence: The next digital frontier? mette in rilievo business case significativi in vari settori di applicazione dell’intelligenza artificiale, tra cui il retail, di cui trattiamo in questo articolo. L’intelligenza artificiale (intesa come capacità cognitive simili a quelle umane di macchine e algoritmi) può aiutare, secondo i dati dello studio, in tutta una serie di attività: dalla previsione dei picchi di domanda di beni e servizi all’automazione delle operazioni, fino al miglioramento della user experience.

Si vedono 3 aree di opportunità commerciali per le tecnologie AI: le promozioni targettizzate, l’assortimento dei prodotti e gli ordinativi della merce.

La figura esemplifica le diverse applicazioni di soluzioni di intelligenza artificiale in ambito retail.

I software di analisi delle espressioni facciali dei clienti in negozio e i sistemi per comunicare in linguaggio naturale possono aiutare a sintonizzarsi sul mood delle persone, mentre gli assistenti virtuali offrono suggerimenti sugli acquisti.

Un’area di grande interesse è il marketing targettizzato, grazie alle applicazioni di machine learning per personalizzare le promozioni in base al profilo del cliente analizzando i dati dei social media e le sue abitudini d’acquisto, garantendo una user experience eccezionale.

Tecnologie di computer vision negli outlet permettono di rilevare i prodotti acquistati e di rimuovere le barriere alle casse, inviando in automatico le ricevute per gli acquisti direttamente sull’email dei clienti.

Carrelli autonomi rendono più semplice fare la spesa, seguendo il cliente passo passo nello store, mentre droni smart effettuano consegne a domicilio.

I prezzi delle merci vengono aggiornati in real time sulla base di specifici parametri per massimizzare i profitti, mentre robot dotati di intelligenza artificiale riforniscono gli scaffali e ottimizzano le scorte in magazzino. Tutto ciò appartiene a un futuro vicino o già presente, come dimostrano i casi di Amazon Go e di altre compagnie.

intelligenza artificiale nel retail
L’utilizzo di tecnologie di intelligenza artificiale nel retailFonte: McKinsey Global Institute, 2018

Michele Mornese
Giornalista

Giornalista pubblicista, svolge attività professionale da una quindicina d'anni. Ha al suo attivo collaborazioni con gruppi di rilievo nazionale e internazionale in vari settori, dall'ICT alla formazione linguistica, alla riorganizzazione aziendale, e con associazioni specializzate in ambito sportivo, per le quali ha realizzato reportage e interviste legate al mondo della montagna. Si interessa di tutto ciò che riguarda la comunicazione e l'impatto delle nuove tecnologie per il vivere connesso. Ha vissuto a Londra e a Sydney e viaggiato in diversi paesi nel mondo.

AI, svolta nel retail: marketing targettizzato e una nuova user experience

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4