Data driven company, il progetto Dell Boomi | ZeroUno

Data driven company, il progetto Dell Boomi

pittogramma Zerouno

Digital360 Awards 2021

Data driven company, il progetto Dell Boomi

Il progetto Data Service Platform nasce dalla necessità del cliente di evolvere verso una data-driven company, esso integra l’ecosistema applicativo e, digitalizzando i processi, permette di offrire nuovi servizi a valore

05 Ago 2021

di Redazione

Realizzato da Dell Boomi per una primaria azienda di vendita, noleggio e assistenza di macchine movimento terra e relative attrezzature, il progetto Data Service Platform (risultato finalista ai Digital360 Awards 2021 per la categoria Internet of Things & Big Data Analytics) nasce dalla necessità del cliente di evolvere verso una data-driven company.

Automatizzando e analizzando i dati in tempo reale delle scatole nere, integrando l’ecosistema applicativo e digitalizzando i processi diventa così, tra l’altro, possibile offrire nuovi servizi a valore.

La piattaforma utilizzata

Il progetto ha visto l’adozione della piattaforma iPaaS Boomi che ha consentito di implementare una soluzione di Hybrid Integration Platform.

Tale piattaforma permette di:

  • leggere e interpretare i dati provenienti dalle macchine movimento terra in gestione e, adottando la componente Boomi “Integrate”, predisporsi per l’elaborazione dei dati in tempo reale;
  • gestire centralmente i dati relativi alle macchine movimento terra dei propri clienti, introducendo principi di Data Quality. Grazie al modulo Boomi di “Master Data Management”, si genera un repository centrale automaticamente aggiornato con i dati provenienti dalle sedi/macchine periferiche e completamente Event-Driven;
  • gestire i processi per la risoluzione di problemi che comportano il fermo macchina creando dei workflow automatizzati per l’analisi dei dati. In caso di problematica su una macchina movimento terra, viene generata una notifica a uno dei dealer più prossimi al cliente finale che, grazie ad un’App, è in grado di gestire la risoluzione del guasto;
  • facilitare integrazioni future tra i sistemi aziendali e predisporre l’alimentazione della Data Platform (in corso di definizione).

Grazie alla gestione centralizzata di tutte le informazioni e l’automatizzazione dei flussi, è quindi possibile generare una dashboard che, come una “control tower”, sia in grado di supportare l’identificazione di problematiche ricorrenti, già chiuse, o che necessitano di interventi urgenti, con la possibilità di accedere nel dettaglio allo status di ogni singolo guasto.

Attualmente il progetto è in corso di implementazione ed è stato suddiviso in fasi gestite in modalità agile. Esiste un Proof-of-Concept funzionante delle dashboard e dei workflow operativi.

I risultati ottenuti

La gestione “event driven” delle informazioni raccolte dalle macchine movimento terra, arricchite da dati provenienti da diversi sistemi di business (es. ERP, CRM eccetera), permette di automatizzare la gestione delle problematiche ad esse connesse, diminuendo drasticamente il tempo di presa in carico e di risoluzione di guasti e anomalie.

Inoltre, l’azienda sarà in grado di monitorare velocemente, attraverso una serie di dashboard, tutti i parametri relativi alle macchine e soprattutto avere visibilità in tempo reale degli SLA relativi ai guasti aperti.

La Control Tower sarà estesa alla rete territoriale di supporto e ai clienti, così da aumentare la qualità delle informazioni gestite e il livello di servizio offerto dalla filiera.

Grazie alla possibilità di gestire efficacemente tutte queste informazioni e considerando che i dati potranno essere accessibili da tutti i sistemi interni ed esterni connessi da Boomi, come ad esempio l’ecosistema SAP, l’azienda potrà identificare e adottare nuovi modelli di business ritagliati sulle esigenze e necessità del cliente finale come l’introduzione di una nuova offerta commerciale basata sul modello di Pay-per-Use o a nuovi servizi digitali a valore.

L’estrema duttilità e flessibilità della piattaforma Boomi permette al cliente di: disegnare e adattare la soluzione sia in base alle attuali esigenze che a eventuali future necessità legate a un business in continua evoluzione, sfruttando e riutilizzando le integrazioni da e verso i sistemi in tempi estremamente rapidi e con la possibilità di propagare queste informazioni in real-time; gestire tutti i task in modalità “no code”, riducendo i tempi di sviluppo e consentendo una veloce curva di apprendimento da parte del personale; utilizzare un’interfaccia utente estremamente intuitiva, facilmente accessibile e semplice da utilizzare grazie alla componente di Boomi Flow che consente di creare applicazioni e gestire processi autorizzativi; rendere disponibile agli operatori un monitoraggio delle macchine estremamente fruibile grazie alla soluzione di Master Data Management cloud based.

La velocita di esecuzione è resa possibile da un approccio di «two speed architecture», che permette di integrare nuove soluzioni, in maniera rapida, nel contesto applicativo esistente.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Argomenti trattati

Approfondimenti

Digital360 Awards

Articolo 1 di 4