ACCEDI
User
Password
 
 LOGIN

Big Data

Gli Analytics in Italia: composizione e trend di mercato

Patrizia Fabbri
Crescita complessiva del 15% nel 2016 del mercato degli analytics fotografato dall’Osservatorio Big Data Analytics & Business Intelligence. Un ambito che ha raggiunto complessivamente i 905 milioni di euro e con la prima componente che registra una crescita del 44%. Manutenzione predittiva e customer care gli ambiti principali di adozione con i settori Banche e Manifatturiero che emergono come i maggiori utilizzatori.

La consapevolezza dell’importanza della capacità di analisi del fiume di dati oggi a disposizione è ormai un dato acquisito. E non usiamo la parola fiume a caso perché quello che caratterizza i big data oggi non è solo la grande quantità e l’estrema differenziazione, con le più differenti tipologie di dati strutturati e non, ma proprio il fatto di cambiare in continuazione: parliamo di veri e propri flussi continui di dati che arrivano sia dalle classiche fonti aziendali (database di vario tipo) sia soprattutto dal mondo nel quale le aziende sono immerse grazie soprattutto all’IoT, consumer o industrial che sia.

E se tanti e di tipo diverso sono i dati, differenti sono gli strumenti oggi disponibili per analizzarli. Nell’articolo Estrarre valore dai dati: modelli predittivi e competenze necessarie abbiamo visto che l’Osservatorio Big Data Analytics & Business Intelligence della School of Management del Politecnico di Milano ha identificato quattro categorie principali di analytics oggi disponibili: descriptive analytics, strumenti per descrivere la situazione attuale e passata; predictive analytics, per capire cosa potrebbe accadere relativamente a un determinato fenomeno sulla base delle serie storiche di dati a disposizione; prescriptive analytics, strumenti che propongono ai decision maker decisioni sulla base dell’analisi; automated analytics, che implementano direttamente l’azione proposta sulla base del risultato delle analisi svolte.

Con questo articolo iniziamo una serie di approfondimenti sui dati per capire:

Un mercato trainato dalle grandi imprese

Figura 1 Il mercato degli analitycs in Italia nel 2016
Fonte: Osservatorio Big Data Analytics & Business Intelligence

Prima di tutto specifichiamo che la Ricerca dell’Osservatorio ha visto il coinvolgimento di 952 organizzazioni italiane: 149 grandi imprese (sopra i 249 addetti) e 803 Pmi (tra 10 e 249 addetti).

Dai dati emerge che, complessivamente, il mercato registra nel 2016 una crescita del 15% con un valore totale di 905 milioni di euro. L’Osservatorio suddivide il mercato in due grandi famiglie dove la componente Business Intelligence (progetti di analytics destinati a trattare dati tradizionali prevalentemente conservati in database relazionali) e quella Big Data (analisi di dati caratterizzati dalle 5 V: volume, velocità, varietà, veridicità e variabilità).

Il primo gruppo di soluzioni copre la parte maggiore del mercato (722 milioni di euro), ma ha naturalmente un tasso di crescita minore (9%), trattandosi di un ambito più maturo; il secondo invece cresce al ritmo del 44% e nel 2016 ha raggiunto i 183 milioni di euro (figura 1).

Figura 2 Pmi e grandi imprese: utilizzo degli analytics
Fonte: Osservatorio Big Data Analytics & Business Intelligence

Il mercato nel suo complesso è trainato dalle grandi imprese (figura 2) con l’87% della spesa mentre la quota utilizzata dalle Pmi è del 13%. Anche l’analisi per settore evidenzia un significativo gap tra i primi tre settori, Bancario (con una quota del mercato del 29%), Manifatturiero (22%) e, sebbene distaccato dai primi due, Telco e Media (14%) e gli altri dove l’utilizzo di analytics risulta estremamente frammentato.

Nel tasso di crescita si rileva quello del settore Assicurazione, che registra un +25%, e quello delle Utility (tra 15 e 25%) tra i settori dove gli analytics sono meno diffusi; Banche e Manifatturiero, nonostante la pole position, registrano tassi di crescita intorno al 15-25%, a dimostrazione del fatto che stiamo parlando di un mercato ancora lontano dall’essere maturo (figura 3).

Figura 3 Il mercato per settore
Fonte: Osservatorio Big Data Analytics & Business Intelligence

Concentrandoci sul solo ambito delle grandi imprese, l’indagine del Politecnico ha misurato la diffusione delle differenti categorie di analytics che, come si vede in figura 4, va dall’89% della categoria descriptive al 10% di quella automated.

Gli ambiti di adozione degli analytics

Supporto ai processi interni e supporto alla relazione con il cliente: sono queste le due grandi classi nelle quali l’Osservatorio ha suddiviso gli ambiti di utilizzo degli analytics da parte delle grandi imprese. La figura 5 mostra la mappatura che ne è risultata, nelle quale si evidenziano immediatamente due ambiti che svettano rispetto agli altri: manutenzione predittiva e customer care, rispettivamente attinenti alla prima e alla seconda classe.

Figura 4 L’adozione degli diverse categorie di analytics nelle grandi imprese
Fonte: Osservatorio Big Data Analytics & Business Intelligence

Il primo ambito vede una diffusione ancora limitata (intorno al 10%), ma è maggiore il tasso di crescita (oltre il 20%) e questo si coniuga perfettamente con il posizionamento del Manifatturiero in cima alla classifica dei settori: l’attuale contesto competitivo impone alle aziende produttrici di limitare al massimo gli interventi manutentivi o meglio di programmare questi interventi, e magari renderli automatici, per evitare imprevisti e interruzioni (garantendo una totale continuità della produzione e/o del servizio); la crescente maturità di soluzioni di questo tipo ne stimola il crescente utilizzo.


 

Figura 5 L’adozione degli analytics nei diversi ambiti
Fonte: Osservatorio Big Data Analytics & Business Intelligence

Il customer care, oltre ad essere l’ambito con la maggiore diffusione di soluzioni (46%), continua a crescere perché rappresenta il cuore della digital economy, completamente orientata a una conoscenza sempre più profonda del cliente al fine di rispondere alle sue esigenze ancora prima che queste si siano manifestate.

Ricordiamo che sul sito degli Osservatori Digital Innovation è disponibile il report completo dell’indagine nel quale sono illustrati numerosi casi di utilizzo di tecnologie di analytics da parte di aziende in Italia.

CLOUD COMPUTING

Iscriviti al club di Zerouno
Iscriviti al Club di ZerounoWeb