Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Sicurezza informatica: quali sono i problemi delle aziende italiane?

pittogramma Zerouno

Sicurezza informatica: quali sono i problemi delle aziende italiane?

06 Dic 2016

di Valentina Bucci

Una recente conferenza stampa di Fortinet è stata l’occasione per parlare dei problemi che le aziende italiane (e non solo) si trovano ad affrontare in campo sicurezza informatica; tra le criticità principali le architetture di sicurezza stratificate, l’automatizzazione del cybercrime e la mancanza di competenze.

MILANO – “La digitalizzazione del business avvenuta negli ultimi anni ha portato a una rapida e costante evoluzione delle infrastrutture aziendali ma anche, di pari passo, alla crescita dei rischi legati all’utilizzo delle tecnologie digitali e a una maggiore complessità del mondo legato alla compliance e ai regolamenti legati a questi rischi”. Sono le parole di Filippo Monticelli, Country Manager Italia di Fortinet che durante una recente conferenza stampa ha voluto analizzare, in area sicurezza informatica, i principali problemi incontrati oggi dalle aziende italiane (e non solo). Ecco alcuni dei focus di attenzione emersi.

Architetture di sicurezza stratificate

Filippo Monticelli, Country Manager Italia di Fortinet

Secondo i dati di una recente survey condotta da Fortinet, l’85% delle aziende europee impiega da diverse ore ad anni per individuare una violazione (figura 1): “Colpa di architetture di security che nel tempo si sono stratificate, sono diventate eterogenee e difficili da gestire con pesanti impatti in termini sia di security sia di governance: da un lato, finiscono con il lasciare aperti varchi che il cybercrime sfrutta per infiltrarsi; dall’altro costringono gli It security manager ad avere una vista frammentata e incompleta di ciò che accade sui sistemi della loro azienda”, dice Monticelli, che indica come Fortinet, attraverso il suo framework Security Fabric, voglia invece proprio consentire agli specialisti un punto di controllo unico e completo sulla rete, sugli endpoint, sulle applicazioni, sui sistemi in cloud.

Automatizzazione del cybercrime

Figura 1 – Tempo impiegato dalle aziende a rilevare una violazione – Fonte: “2016 Fortinet Global Security Survey”

“A livello globale cresce la sofisticazione delle tecniche di attacco, che va di pari passo con un livello medio di competenza degli hacker che si sta abbassando in maniera esponenziale”, dice Monticelli osservando alcuni dati del centro di ricerca Carnegie Mellon Software Engineering Institute; il manager spiega il fenomeno, solo apparentemente paradossale, con la crescente diffusione di alcuni tool, strumenti di automazione prodotti da pochi abili hacker, in grado di mettere anche chi non abbia alte competenze nella condizione di sviluppare attacchi molto sofisticati.

Mancanza di competenze

Come sottolinea il Desi–Digital Economy and Society Index, tra i problemi tipicamente italiani c’è invece quello del know how: “Quella delle competenze è una criticità drammatica – dice Monticelli – Noi stessi quando dobbiamo assumere persone specializzate tra i giovani abbiamo forti difficoltà, difficoltà che altri Paesi invece non hanno. Il problema è un sistema di education che non è al passo dell’innovazione tecnologica”.

Rispetto a questo scenario, la speranza è che le evoluzioni normative siano l’occasione per invertire il trend; come è stato ricordato, gli studi indicano che il Gdpr, che entrerà in vigore a maggio 2018, spingerà le aziende in modo deciso all’introduzione di figure di alto livello specializzate in sicurezza e in generale potrà essere l’occasione per migliorare l’approccio al tema dell’It security, dando valore all’analisi dei rischi: “La strada tracciata dai regolamenti è quella giusta – dice Monticelli – sebbene probabilmente per un cambiamento importante e generalizzato non basteranno un paio di anni ma ce ne vorranno almeno dieci”.

Valentina Bucci
Giornalista

Giornalista pubblicista, per ZeroUno scrive dei cambiamenti che la digitalizzazione sta imponendo alle imprese sul piano tecnologico, organizzativo, culturale e segue in particolare i temi: Sicurezza Informatica, Smart Working, Collaboration, Big data, Iot. Master in Giornalismo e comunicazione istituzionale della scienza (Università di Ferrara), laurea specialistica in Culture Moderne Comparate (Università di Bergamo).

Sicurezza informatica: quali sono i problemi delle aziende italiane?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 5