Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Le preoccupazioni dei Ciso

pittogramma Zerouno

Le preoccupazioni dei Ciso

09 Lug 2013

di Patrizia Fabbri

Il 79% delle aziende è incorso nel 2012 in un incidente legato alla sicurezza in mobilità e per il 52% delle grandi imprese il costo legato agli incidenti di mobile security è stato superiore ai 500.000 dollari. È quanto emerge dal report The Impact of Mobile Devices on Information Security realizzato dalla società di ricerca Dimensional Research e sponsorizzato da Check Point Software Technologies su 790 azienda distribuite tra Usa, Canada, UK, Germania e Giappone.

Dalla survey emergono alcune evidenze che dimostrano come per Chief Information Security Officer, la diffusione dei device mobili e il modello Byod continuino a rappresentare una delle principali fonti di preoccupazione:
• aumento dei dispositivi mobili personali che si collegano alle reti aziendali: il 96% delle aziende che consentono l’utilizzo di device mobili personali, registra un aumento della diffusione di questi dispositivi e il 45% dichiara di avere un numero di dispositivi cinque volte superiore rispetto a due anni fa;
• sono colpite aziende di tutte le dimensioni: se, come abbiamo visto, per oltre la metà delle grandi aziende gli incidenti di mobile security hanno determinato costi per 500.000 dollari anche le imprese di dimensioni minori (fino a 1.000 addetti) non stanno meglio: nel 45% dei casi questi incidenti hanno indotto costi superiori ai 100.000 dollari.
• Android è percepita come la piattaforma più a rischio: Android è stata citata dal 49% delle aziende come piattaforma dal rischio percepito più elevato (lo scorso anno era il 30%), rispetto ad Apple, Windows Mobile e Blackberry;
• aumenta il numero delle informazioni sensibili sui clienti presenti nei device mobili: il 53% dei rispondenti dichiara che i dispositivi mobili contengono informazioni sensibili sui clienti, rispetto al 47% dello scorso anno.

Tomer Teller, security evangelist e researcher di Check Point Software Technologies

“Senza dubbio, l’esplosione del Byod, delle mobile app e dei servizi cloud, ha reso estremamente difficile per le aziende di ogni dimensione il compito di proteggere le informazioni aziendali”, ha spiegato Tomer Teller, security evangelist e researcher di Check Point Software Technologies. “Una strategia efficace di mobile security dovrà concentrarsi sulla protezione delle informazioni aziendali su una grande varietà di dispositivi e sull’implementazione di controlli di accesso sicuro alle informazioni e applicazioni  in mobilità. Altrettanto importante è educare dipendenti e collaboratori sulle best practice da seguire, perché la gran parte delle aziende si rivela più preoccupata dalla scarsa attenzione dei dipendenti che dai cybercriminali”.

Patrizia Fabbri
Giornalista

Patrizia Fabbri è giornalista professionista dal 1993 e si occupa di tematiche connesse alla trasformazione digitale della società e delle imprese, approfondendone gli aspetti tecnologici. Dopo avere ricoperto la carica di caporedattore di varie testate, consumer e B2B, nell’ambito Information Technology e avere svolto l’attività di free lance per alcuni anni, dal 2004 è giornalista di ZeroUno.

Argomenti trattati

Approfondimenti

B
Byod
I
Intelligenza Artificiale
S
Strategia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 3