Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Smart device, dove si nascondono le vulnerabilità

pittogramma Zerouno

Smart device, dove si nascondono le vulnerabilità

10 Mag 2013

di Arianna Leonardi

Il download di app, soprattutto gratuite, è il principale veicolo di attacco. Ma a preoccupare è anche l’accesso a social media e posta elettronica dai dispositivi mobile

Definito il tasso di distribuzione e vulnerabilità del mondo mobile, per completare la panoramica sulla sicurezza, restano da definire i principali canali di infezione. Il download di app, soprattutto gratuite, è il principale veicolo di attacco di malware o hacking. Il rapporto tra le applicazioni comprate e scaricate gratuitamente in Italia è circa di 1 a 3 e rappresenta un indice significativo dei livelli di rischio.

Figura 1: frequenza degli accessi ai social media tramite smartphone da parte di utenti italiani
Fonte: Rapporto Clusit 2013

Un altro dato allarmante riguarda il numero di utenti mobile che accede quotidianamente alla posta elettronica, ovvero il 60%, spesso senza alcuna protezione (figura 1).
I social network sono un’altra fonte consistente per la propagazione del mobile malware. In Italia, la quota di mobile user che si connette quotidianamente ai social media supera il 25%: l’utilizzo anytime e anywhere garantito dai device aumenta le occasioni di accesso e fa aumentare la probabilità di rischio. Nel nostro Paese più del 60% degli utenti che impiega lo stesso smartphone nel privato e sul lavoro, lo utilizza anche per accedere ai social media, con il risultato di una pericolosa esposizione alle minacce.

Arianna Leonardi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 3