Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Lenovo cerca spazio nel data center

pittogramma Zerouno

Attualità

Lenovo cerca spazio nel data center

15 Set 2017

di Piero Todorovich

Due nuovi marchi, ThinkSystem e ThinkAgile, e maggiore impegno nel supporto dei clienti. Questa la strategia di Lenovo per rafforzare sistemi e soluzioni data center, a quattro anni dall’acquisizione del ramo server X86 di IBM.

MILANO – Lenovo continuerà a offrire solo sistemi con architettura industry standard basati sui processori X86, ma lo farà con maggiore autonomia da nomi e schemi del passato, anche se parte dei servizi professionali ai clienti continuerà a essere erogata dalla rete territoriale IBM. “Non abbiamo tecnologie proprietarie da proteggere, abbiamo una lunga storia d’innovazione e server tra i più affidabili del mercato – spiega Alessandro De Bartolo, country manager di Lenovo –, per questo riteniamo oggi di essere credibili come fornitori di soluzioni per aggiornare i data center e implementare logiche software-defined in ambiti critici. I nuovi marchi, introdotti a giugno, sono ThinkSystem e ThinkAgile ed ereditano rispettivamente le componenti hardware di base e le soluzioni software defined per i data center di nuova generazione.

Alessandro De Bartolo

Country manager di Lenovo

Lenovo ha poi introdotto 14 nuove piattaforme server rack e tower per applicazioni mission critical, ad alta densità (blade) e hyperscale; ha inoltre aggiunto 7 soluzioni per esigenze di cloud, big data, analytics e database, oltre a 5 sistemi di network switch per completare un

portafoglio prodotti che era rimasto limitato dagli accordi con IBM. “Pensiamo di avere tutte le componenti per trasformare i data center, renderli più semplici e gestibili”, ha precisato De Bartolo. Le soluzioni comprendono componenti preconfigurate e certificate per applicazioni virtualizzate, SAP ERP, elaborazioni in memory e altre.

Sul fronte servizi, Lenovo dichiara di aver potenziato il supporto delle soluzioni preconfigurare e la capacità di effettuare implementazioni presso il cliente. “Abbiamo riorganizzato il Data Center Group – continua Di Bartolo -. Ora ci sono cinque team con focalizzazione commerciale e tecnica che si occupano di: servizi, data center infrastructure, HPC&AI, software-defined e hyperscale infrastructure”. Lenovo intende inoltre specializzare meglio il canale commerciale per soluzioni e clienti, e per questo compito ha da poco nominato Thomas Giudici (un passato in Citrix e Hitachi), come responsabile.

L’azienda ha infine pubblicato i risultati di alcuni benchmark (realizzati da TPC.ORG) a cui ha sottoposto l’intero portafoglio di soluzioni ThinkSystem basato sul nuovo processore Intel Xeon Scalable. Nel benchmark TPC-E, che simula il funzionamento di un’ipotetica società di brokeraggio con clienti che generano un gran numero di transazioni OLTP, i server Lenovo hanno superato la soglia dei 100 dollari a transazione per secondo. Il costo è risultato di 93,48 dollari, 16% in meno del precedente record pari a 111,65 dollari. Lenovo ha inoltre ottenuto le più alte prestazioni TPC-E e TPC-H (benchmark relativo al supporto decisionale, basato sull’elaborazione di grandi quantità di dati) con i sistemi a doppio socket SR650.

Piero Todorovich
Giornalista

Giornalista professionista dal 91, ha scoperto il Computer negli Anni 80 da studente e se n'è subito innamorato, scegliendo di fare della divulgazione delle tecnologie e dell'informatica la propria professione. Alla passione per la storia delle tecnologie affianca quella per i viaggi e la musica.

Argomenti trattati

Personaggi

Alessandro De Bartolo

Approfondimenti

S
Server

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 3