Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

HPE ProLiant, i server con la sicurezza integrata nel chip

pittogramma Zerouno

News

HPE ProLiant, i server con la sicurezza integrata nel chip

03 Ott 2017

di Redazione

Una delle caratteristiche fondamentali della nuova generazione di questa gamma di server è la protezione da attacchi via firmware, tra le altre novità le funzionalità che permettono maggiore agilità e flessibilità economica

Una delle caratteristiche principali della nuova generazione della gamma ProLiant HPE è l’aver implementato funzionalità di sicurezza su chip in silicio per contrastare gli attacchi via firmware, a questa si affiancano le novità nell’infrastruttura software-defined che si traducono in innalzati livelli di agilità e flessibilità economica. 

Più nello specifico, la tecnica sviluppata da HPE per proteggere da cyberattack via firmware implementa la sicurezza direttamente all’interno del chip Integrated Lights Out (iLO) creando su silicio un’impronta digitale immutabile che impedisce ai server di avviarsi se non vi sia corrispondenza tra tale impronta e il firmware. Il tutto comprende encryption e tecnologie di rilevamento delle violazioni, ed è completato dalla sicurezza della supply chain HPE e dai servizi HPE Pointnext di protezione e valutazione della sicurezza. 

I nuovi sistemi offrono la possibilità di accelerare applicazioni e business insight attraverso un’infrastruttura software-defined. In particolare gli aggiornamenti riguardano: 

  • HPE OneView 3.1: supporta la piattaforma server Gen 10 end-to-end e trasforma componenti di calcolo, storage e rete in un’infrastruttura software-defined. La nuova generazione, la versione 3.1, implementa funzioni per storage componibile, miglioramenti alla gestione del firmware, estensione del supporto a una vasta gamma di piattaforme HPE e supporta l’ecosistema di nuovi partner come Mesosphere DC/OS. HPE ha anche annunciato un’alleanza strategica con Mesosphere.Gli utenti otterranno vantaggi dalle attività di engineering congiunto, da un’architettura di riferimento e da un miglior time-to-value. 
  • HPE Intelligent System Tuning offre un’esperienza dinamica sulle applicazioni in partnership con Intel sulla linea Intel Xeon Processor Scalable Family. Queste particolari funzionalità comprendono la modulazione della frequenza (jitter smoothing ), aumento delle prestazioni (core boosting) e ottimizzazione del server secondo i profili di workload.

È stata inoltre migliorata l’esperienza nel time-to-insight per promuovere sviluppo e produttività, in particolare, HPE Synergy for Gen10 con HPE Synergy 480 e HPE Synergy 660 aumentano le prestazioni dei workload a consumo intensivo di dati e di potenza di calcolo come per esempio la modellazione finanziaria. Inoltre mettono a disposizione una rivoluzionaria connettività Ethernet 25/50 GB e aumentano di 2,8 volte la capacità DAS (Direct-Attached Storage). 

HPE Scalable Persistent Memory è invece una soluzione storage integrata che lavora alla velocità della memoria con una capacità su scala terabyte, raggiunge alti livelli di prestazioni di calcolo con persistenza integrata. 

In pratica, attraverso la nuova generazione di funzionalità offerte da HPE ProLiant Gen 10, i clienti possono accelerare i business insight all’interno di un mondo ibrido formato da IT tradizionale e da public e private cloud. Con le opzioni pay-as-you-go di HPE, i clienti possono scalare verso l’alto o verso il basso a seconda delle esigenze del proprio business pagando solo quanto effettivamente utilizzato. 

Più nel particolare: HPE propone modelli di pagamento per l’IT a utilizzo che garantiscono i risultati tangibili di business che i clienti richiedono come un miglioramento del cash flow, l’accelerazione del deployment o la gestione della capacità in modo economicamente conveniente. HPE Flexible Capacity cambia il modo in cui i clienti utilizzano l’IT allineandolo alle effettive esigenze di business. Pagando solo per quanto si utilizza e sfruttando un buffer on-site per poter scalare verso l’alto o verso il basso quando occorre, i clienti possono risparmiare denaro eliminando il fenomeno dell’overprovisioning. 

Per aiutare le aziende ad allineare l’IT alle esigenze di business, HPE ha presentato due nuove proposte: HPE Capacity Care Service per consentire alle aziende di medie dimensioni di controllare la gestione dell’utilizzo e della capacità allo scopo di ridurre l’overprovisioning e innalzare i livelli di utilizzo e IT Investment Strategy Workshop, iniziative progettate per aiutare le aziende a sviluppare una strategia di investimento IT con modelli di finanziamento allineati a una roadmap degli investimenti IT.

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in rivista, portale www.zerounoweb.it e una linea di incontri con gli utenti.

Argomenti trattati

Approfondimenti

S
Server

Articolo 1 di 4