Edge e multicloud: ecco perché la collaborazione tra VMware e VaporIO | ZeroUno

Edge e multicloud: ecco perché la collaborazione tra VMware e VaporIO

pittogramma Zerouno

News

Edge e multicloud: ecco perché la collaborazione tra VMware e VaporIO

È stata annunciata la creazione di una rete di servizi multicloud che integra la piattaforma VMware Telco Cloud con la piattaforma Kinetic Grid di Vapor IO

05 Lug 2021

di Redazione

La collaborazione tra VMware e VaporIO ha l’obiettivo di offrire un’infrastruttura condivisa per una maggiore semplificazione e di abbassare i costi di implementazione di sistemi 5G distribuiti e di applicazioni in tempo reale, mettendo insieme più ambienti cloud ed edge in un quadro unico. In pratica, è stata annunciata la creazione di una rete di servizi multicloud che integra la piattaforma VMware Telco Cloud con la piattaforma Kinetic Grid di Vapor IO, permettendo agli sviluppatori e agli operatori di servizi di ipercomporre servizi grid on-demand.

La Multicloud Services Grid èl’implementazione pianificata di un sistema Open Grid come previsto dalla Open Grid Alliance (OGA), dove le applicazioni possono richiedere risorse dalla rete e poi ricorrere alla rete per assemblare quelle risorse. L’ipercomposizione, l’atto di fornire un insieme strettamente accoppiato di risorse in tempo reale su richiesta, renderà possibile fornire funzioni di rete, applicazioni e servizi nel momento in cui sono necessari, distribuendoli autonomamente e algoritmicamente attraverso la Open Grid in base alle esigenze dell’applicazione.

La Multicloud Services Grid ipercomporrà le risorse nel momento preciso in cui l’applicazione ha bisogno di utilizzarle. Per esempio, se un’applicazione richiede il percorso più veloce possibile attraverso le risorse meno costose, la rete assemblerà quelle risorse quando l’applicazione le richiede e le disassemblerà quando l’applicazione ha finito di usarle, restituendole alla rete per l’uso successivo.

Alla base della Multicloud Services Grid c’è l’integrazione della Telco Cloud Platform di VMware con la piattaforma Kinetic Grid di Vapor IO. È progettata per mettere insieme i carichi di lavoro attraverso un continuum edge-to-cloud guidato dalla latenza, consentendo applicazioni altamente coinvolgenti e in tempo reale, compresi i giochi AR/VR e la robotica cloud, così come i sistemi 5G disaggregati.

“L’Internet di oggi – ha commentato Kaniz Mahdi, vice president of advanced technologies di VMware – è troppo statico, troppo diviso in silos e troppo imprevedibile per distribuire applicazioni sensibili alla latenza, come il gioco immersivo. Ciò di cui abbiamo bisogno, invece, è una rete in grado di virtualizzare e cucire insieme le risorse edge attraverso più cloud e più location per qualsiasi serie di latenza e qualunque jitter, in qualsiasi momento”.

“L’architettura Kinetic Grid di Vapor IO, che si connette con la dorsale in fibra di Zayo – ha aggiunto Cole Crawford, fondatore e CEO di Vapor IO – ci dà il potenziale per coprire gli Stati Uniti continentali e diventare una piattaforma per coinvolgere l’intero ecosistema edge-to-core. I team di Vapor IO e VMware distribuiranno capacità di base, facendo crescere le opportunità per i fornitori e i consumatori attraverso l’intero stack. Vogliamo che questo annuncio sia il catalizzatore per altre organizzazioni per co-creare e co-innovare con noi, sviluppando le nuove tecnologie e modelli di business go-to-market che ci permetteranno di implementare collettivamente l’Open Grid su scala mondiale”.

Le aziende prevedono di implementare le tecnologie quest’anno a Las Vegas, Atlanta e Dallas, rendendo la Multicloud Services Grid disponibile come piattaforma per l’innovazione crowdsourced in quelle aree metropolitane. Le grid distribuite avranno la capacità di servire un ecosistema crescente di fornitori di servizi di comunicazione, fornitori di cloud, proprietari di infrastrutture, sviluppatori di hardware e software, comuni e imprese che cercano di innovare con applicazioni in tempo reale.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Articolo 1 di 4