Edge computing, i modelli per il deployment delle infrastrutture secondo Vertiv | ZeroUno

Edge computing, i modelli per il deployment delle infrastrutture secondo Vertiv

pittogramma Zerouno

News

Edge computing, i modelli per il deployment delle infrastrutture secondo Vertiv

Il report presentato dal vendor classifica i siti edge in base a fattori quali: posizione e ambiente esterno, numero di rack, requisiti di alimentazione e disponibilità, localizzazione del sito, infrastruttura passiva, provider e numero di siti da implementare

15 Nov 2021

di Redazione

Come avere un approccio più standardizzato alle implementazioni di edge computing, con l’obiettivo di ottimizzarne tempi e costi? Nasce da tale quesito il report Archetipi Edge 2.0: Modelli di infrastruttura Edge pronti per l’implementazione i cui risultati sono stati resi noti da Vertiv. La ricerca, realizzata in collaborazione con la società di analisi STL Partners, puntualizza che possono essere richiesti interventi specifici in base a fattori quali il contesto ambientale, il mercato di riferimento, gli apparati in esercizio, le policy di gestione, sicurezza e manutenzione e la connettività utilizzati. Tuttavia, queste specificità possono essere applicate nell’ambito dei modelli individuati e non pregiudicano i vantaggi di una maggiore standardizzazione.

Nello specifico, il report classifica i siti edge in base a fattori quali: posizione e ambiente esterno, numero di rack, requisiti di alimentazione e disponibilità, localizzazione del sito, infrastruttura passiva, provider e numero di siti da implementare. Seguono gli archetipi individuati.

Device Edge: in questo caso l’elaborazione dei dati avviene sui dispositivi stessi, siano essi device stand-alone o integrati in architetture più ampie, come nel caso dei semafori intelligenti o dei sistemi di videosorveglianza.

Micro Edge: si tratta di una soluzione stand-alone di dimensioni ridotte, che può variare da uno o due server fino a quattro rack. Potrebbe essere implementata all’interno di una organizzazione per creare piccoli data center distribuiti o presso un sito di telecomunicazioni per connettere processi e applicazioni che risiedono negli armadi di rete.

Distributed Edge Data Center: possono trovarsi all’interno di un data center on-premise (che può essere un data center aziendale preesistente, una network room o una nuova struttura indipendente), oppure risiedere presso un co-locator. I data center Edge distribuiti sono già diffusi nei siti produttivi, nelle strutture sanitarie, nelle smart city e nelle reti di telecomunicazione.

Regional Edge Data Center: sono strutture distanti dal data center principale, realizzate appositamente per ospitare una infrastruttura di elaborazione dati. Condivide molte funzionalità tipiche dei data center hyperscale, ad esempio in termini di condizionamento e sicurezza, per cui garantisce elevati livelli di affidabilità. Questo modello è ampiamente diffuso nel mondo del retail e funge da sito intermedio per l’elaborazione dei dati.

L’introduzione, tre anni fa, degli archetipi legati all’edge computing ha contribuito alla comprensione di questo paradigma. Si è trattato del primo tentativo strutturato che, in base alle numerose informazioni raccolte in materia, ha permesso alle aziende di cominciare a orientarsi all’interno del mondo Edge. Da allora, altre organizzazioni pubbliche e private hanno lavorato agli stessi temi (spesso con il supporto proattivo di Vertiv) per mettere a punto processi e tecnologie standard per accelerare la comprensione e la diffusione di questo paradigma. I modelli infrastrutturali sopra descritti rappresentano il passo logico successivo.

“Man mano che l’edge matura – ha dichiarato Martin Olsen, global vice president, edge strategy and transformation di Vertiv – e i siti proliferano e diventano sempre più sofisticati, cresce l’esigenza di modelli infrastrutturali in grado di standardizzare design e apparati al fine di aumentarne l’efficienza e nel contempo ridurne i costi e i tempi di implementazione. I siti edge continueranno a richiedere alcune personalizzazioni per soddisfare le esigenze specifiche degli utenti, ma i modelli che abbiamo messo a punto semplificano molte scelte fondamentali e introducono una ingegnerizzazione ormai necessaria anche in questo ambito. La ricerca è particolarmente utile per chi vuole specializzarsi in questo settore, come i partner di canale e i responsabili IT”.

“L’adozione dei quattro modelli che abbiamo individuato – ha affermato a sua volta Dalia Adib, director, consulting e edge computing practice lead di STL Partners – fornisce innegabili vantaggi, a cominciare da una velocizzazione nell’implementazione dei siti che porta con sè un’accelerazione del go-to-market di prodotti e servizi. Il mercato Edge è in forte crescita e può essere ulteriormente accelerato introducendo un certo livello di standardizzazione nel linguaggio utilizzato per descriverlo”.

Il rapporto esamina anche i requisiti dell’infrastruttura Edge di alcuni mercati verticali quali l’industria manifatturiera, il retail e le telecomunicazioni e ne illustra i modelli attualmente più diffusi, fornendo utili consigli per gli operatori del settore.

Vertiv ha anche sviluppato un tool disponibile online per aiutare clienti, business partner e tutti coloro interessati a determinare il modello più adatto alle loro esigenze.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Articolo 1 di 5