Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Con Ontap 9, NetApp compie passi avanti nello storage ibrido

pittogramma Zerouno

Con Ontap 9, NetApp compie passi avanti nello storage ibrido

14 Giu 2016

di Riccardo Cervelli

Il vendor lancia Ontap 9, la nuova versione del proprio software di enterprise data management. Debutta il supporto ai nuovi Solid State Disk da 15 TB, con un conseguente balzo in avanti nelle economie di scala dello storage. Nuovi livelli di alta affidabilità anche in ambienti software-defined storage e cloud.

MILANO – Si aggiorna e si arricchisce l’offerta tecnologica storage di NetApp. Fra le ultime novità spicca la nona versione dei software di enterprise data management Ontap. Benché proponga direttamente anche molti prodotti hardware (i sistemi ibridi San-Nas Fas, la loro versione all-flash Aff, i sistemi iperconvergenti FlashPod, ecc.), “NetApp ci tiene a essere identificata prima di tutto come un’azienda software”, come sottolinea Roberto Patano, Senior Manager Systems Engineering della branch italiana. Del resto, il primo prodotto che il suo nome evoca è proprio Ontap, che possiamo definire anche come un sistema operativo per un ambiente storage eterogeneo che non include solo, o non prevede necessariamente, hardware NetApp, ma gestisce anche sistemi legacy, array di terze parti, tecnologie on-premise e cloud in un’ottica hybrid.

Roberto Patano, Senior Manager Systems Engineering di NetApp Italia

“Ontap 9 – spiega Patano – integra le novità che erano già state aggiunte alla release 8.5 e ne aggiunge molte altre”. Per inciso, chi ha sottoscritto un contratto di manutenzione a Ontap 8 e successivi, potrà effettuare gratuitamente e in modo “quasi trasparente” l’aggiornamento alla 9, mentre per chi ancora dispone di release precedenti (quello che NetApp definisce il mondo “7-mode”) ha a disposizione tool e servizi professionali che facilitano la migrazione.
Una delle principali innovazioni introdotte con Ontap 9 è il supporto ai nuovi Solid State Disk (Ssd) da 15 TB. “Proprio perché siamo svincolati dall’hardware – puntualizza Patano – siamo i primi a proporre una soluzione in grado di cogliere l’opportunità degli Ssd da 15TB”. E continua: “L’arrivo degli Ssd da 15TB è importante perché ci consente di fare un salto nelle economie di scala degli ambienti storage. L’introduzione di dischi a più elevata capacità, ma anche più costosi – aggiunge il top manager –, ci costringe a ripensare alle metodologie di high availability. NetApp risponde a questo problema con Raid-Tec, un software basato su un nuovo algoritmo che permette di ricostruire l’informazione in modo più veloce riducendo, allo stesso tempo, il numero di dischi di parità necessari”. La nuova tecnologia è disponibile anche nella soluzione di software-defined storage (Sds) Ontap Select, consentendo di portare questo livello di high availability anche in un contesto di Sds.

Figura 1: Ontap 9 – Enterprise Data Services

Passo avanti anche per Ontap Cloud: “Adesso diventa possibile configurare in mirroring due installazioni Ontap Cloud presso uno stesso cloud service provider (Csp)”, precisa Patano. In questo modo è possibile ottenere livelli di alta affidabilità cloud che vanno oltre quelli che il Csp è tenuto a fornire, ma modellati sulle specifiche policy aziendali di compliance e così via. Il tutto sfruttando i data center dei Csp, siano essi stand-alone sia geograficamente distribuiti. ma interconnessi ad alta velocità, come è il caso di quelli di una “region” di Amazon Web Services.

Riccardo Cervelli
Giornalista

57 anni, giornalista freelance divulgatore tecnico-scientifico, nell’ambito dell’Ict tratta soprattutto di temi legati alle infrastrutture (server, storage, networking), ai sistemi operativi commerciali e open source, alla cybersecurity e alla Unified Communications and Collaboration e all’Internet of Things.

Con Ontap 9, NetApp compie passi avanti nello storage ibrido

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 3