Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Ca: occhio alla gestione!

pittogramma Zerouno

Ca: occhio alla gestione!

08 Feb 2010

di Nicoletta Boldrini

Quando si parla di Next Generation Data Center non si può trascurare uno dei principali trend tecnologici degli ultimi anni che in ambienti data center, e non solo, ha portato risultati tangibili in termini di agilità e velocità, nonché di efficienza dell’It. Parliamo della virtualizzazione che però presenta non semplici sfide di gestione e controllo/riduzione dei rischi.

La virtualizzazione è una tecnologia capace di dare risposte al taglio dei costi richiesto dal business e, al tempo stesso, di aprire la strada a un’infrastruttura It molto più dinamica e flessibile. Affinché i risultati siano però davvero efficaci è necessario risolvere le sfide e le criticità di gestione di una infrastruttura, fisica e virtuale, sempre più complessa, dove devono essere monitorate, controllate e gestite le prestazioni, le gestioni delle modifiche, la sicurezza e il disaster recovery (il tutto all’interno del contesto dell’ambiente fisico ed eterogeneo esistente). Senza una gestione adeguata si corrono rischi che vanno dalla perdita di controllo delle prestazioni e di visibilità negli ambienti sia virtuali che fisici, a rischi maggiori associati a modifiche incontrollate e non gestite (che possono avere effetti negativi sul business e anche in termini di Conformità alle normative).
La risposa di Ca tale problematica si chiama Ca Virtualization Management, un insieme di soluzioni per una gestione integrata e “leggera” dei sistemi fisici e virtuali. Le soluzioni puntano ad offrire un controllo unificato e una visibilità end-to-end che facilita quindi, attraverso una singola vista sui server fisici e virtuali, una migliore analisi degli ambienti e, ove presenti, delle cause primarie dei problemi. Le soluzioni vanno nella direzione della gestione infrastrutturale (le nuove versioni di Ca Spectrum Infrastructure Manager e CA eHealth Performance Manager prevedono funzioni per la gestione estesa e integrata dei sistemi virtuali da un unico schermo), delle applicazioni (soluzioni di application performance management come Ca Cross-Enterprise Integration), dell’automazione dei processi (Ca Spectrum Automation Manager, per esempio, è uno strumento di automazione che utilizza un motore a tecnologia brevettata per analizzare le prestazioni delle applicazioni e dell’infrastruttura, e applicare azioni basate su policy, per soddisfare dinamicamente le richieste di carico delle infrastrutture in base all’attività) e della sicurezza (con Ca Access Control e Ca Enterprise Log Manager, per esempio).

Nicoletta Boldrini

Giornalista

Articolo 1 di 5