Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Compuware e Sonarsource, insieme per promuovere l’agilità digitale delle aziende

pittogramma Zerouno

News

Compuware e Sonarsource, insieme per promuovere l’agilità digitale delle aziende

18 Gen 2018

di Redazione

La collaborazione delle due aziende è tesa a unificare il DevOps multipiattaforma con metriche di copertura del codice COBOL integrate

Compuware e SonarSource hanno annunciato nuove integrazioni che consentono ai team DevOps aziendali di monitorare e convalidare accuratamente la copertura dei test delle applicazioni COBOL con la stessa facilità e utilizzando gli stessi processi adottati per Java o altra tipologia di codice diffuso. La collaborazione con SonarSource, in pratica, è stata stretta per integrare un accurato reporting dei test della copertura COBOL nei processi di controllo automatico della qualità che vengono già utilizzati per supportare DevOps e la Continuous Delivery e consente alle grandi aziende di accelerare drasticamente la qualità e la capacità di realizzazione delle applicazioni mainframe senza incorrere in ulteriori rischi, anche se affidano la gestione di tali sistemi ad addetti dalle competenze più generiche.

Nello specifico, le nuove integrazioni inseriscono automaticamente i risultati di copertura del codice acquisiti da Compuware Topaz for Total Test in SonarSource SonarQube, una soluzione per la qualità continua del codice utilizzata da più di 900 imprese innovative digitali, fornendo ai team DevOps una visione accurata e unificata delle metriche della qualità e dei progressi su tutte le piattaforme.

Ecco ciò che i team di DevOps potranno quindi avere:

  • informazioni sulla copertura del codice da rilasciare per tutte le componenti di un’applicazione e su tutte le piattaforme;
  • un miglioramento nel rigore della governance digitale con una forte applicazione delle policy di QA del mainframe per errori di codifica, perdita di dati, vulnerabilità delle credenziali e altro;
  • l’accorciamento dei cicli di feedback per accelerare il time-to-benefit e ridurre più rapidamente i problemi nelle competenze COBOL e i rallentamenti nei processi DevOps del mainframe.

“Il fatto che Compuware – ha dichiarato Olivier Gaudin, CEO di SonarSource – continui a sviluppare una toolchain DevOps per COBOL completa è ottimo. L’aggiunta della copertura del codice è un risultato importante e sono molto contento che stia succedendo. La nostra partnership con Compuware migliora notevolmente la possibilità per le grandi aziende di portare i propri mainframe nei loro processi DevOps multipiattaforma, mantenendo rigorosamente la qualità delle loro applicazioni aziendali principali”.

Compuware ha anche semplificato la configurazione e l’uso di Xpediter Code Coverage, rendendo sia per gli esperti di COBOL che per i principianti molto più semplice comprendere l’efficacia dei loro test. Quando si eseguono test automatici e si fa il debug del codice tramite l’interfaccia intuitiva Eclipse di Topaz, il codice coperto e scoperto viene evidenziato in modo che gli sviluppatori possano individuare rapidamente le aree che richiedono attenzione, proprio come succede con Java.

Questo annuncio fornisce conferme sulla strategia di Compuware di integrare il mainframe, fornendo un ambiente di sviluppo mainframe familiare e intuitivo per gli sviluppatori da poco impegnati nella gestione delle applicazioni mainframe.

“I nostri clienti gestiscono le loro attività sul mainframe – ha affermato Chris O’Malley, CEO di Compuware – quindi le loro comprovate applicazioni COBOL sono di straordinaria importanza e valore per loro. Ecco perché supportiamo i nostri clienti offrendo continuamente loro le nuove soluzioni di cui hanno bisogno per raggiungere gli ambiziosi obiettivi per la trasformazione digitale, proprio come dovrebbe fare un vero partner di software mainframe”.

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in rivista, portale www.zerounoweb.it e una linea di incontri con gli utenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 4