Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Red Hat: crescite a due digit nel primo trimestre 2016

pittogramma Zerouno

Red Hat: crescite a due digit nel primo trimestre 2016

09 Lug 2015

di Redazione

Il vendor ha chiuso il quarter fiscale al 31 maggio 2015, registrando una crescita del 14% sia sul fatturato (481 milioni di dollari) sia sulle vendite delle sottoscrizioni (425 milioni). Il flusso di cassa operativo si è attestato a 209 milioni, in aumento del 27% anno su anno.

Risultati finanziari a doppia cifra per Red Hat, cha ha recentemente annunciato i bilanci relativi al primo trimestre dell’anno fiscale 2016, terminato il 31 maggio 2015.

Il fatturato totale del quarter è stato di 481 milioni di dollari, in aumento del 14% rispetto al trimestre corrispondente dello scorso anno, o del 22% se considerato a valuta costante. Il fatturato legato alle sottoscrizioni è stato di 425 milioni di dollari, in crescita del 14% rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno, o del 23% se considerato a valuta costante. Il fatturato complessivo di questo primo trimestre fiscale 2016 include la somma aggiuntiva di 5 milioni di dollari derivanti dalle sottoscrizioni ottenute dai Certified Cloud Provider (Ccp) di Red Hat.

“L’ottimo avvio del nostro anno fiscale 2016 è reso evidente da una crescita del fatturato a valuta costante superiore al 20% – spiega Jim Whitehurst, President e Ceo di Red Hat -. Questa forte crescita riflette in parte la domanda delle nostre tecnologie di open hybrid cloud, in quattro aree fondamentali: implementazioni bare metal, di virtualizzazione, private cloud e public cloud. Il portfolio tecnologico di Red Hat diventa sempre più strategico per le aziende clienti che intendono estendere potenzialità ed agilità per creare e implementare applicazioni in queste diverse aree del data center”.

L’utile d’esercizio Gaap per il primo trimestre è stato di 71 milioni di dollari, in salita del 39% rispetto all’anno scorso. Dopo compensazioni azionarie e ammortamenti e costi di transazione relativi a combinazioni di business, l’utile d’esercizio non-Gaap per il trimestre è stato di 113 milioni di dollari, in crescita del 28% rispetto all’anno precedente. Nel primo trimestre, il margine operativo Gaap è stato del 14,7%, il margine operativo non-Gaap del 23,6%.

L’utile netto Gaap per il trimestre è stato di 48 milioni di dollari, pari a 0,26 dollari per azione, rispetto ai 38 milioni (0,20 dollari per azione), registrati nel trimestre precedente. L’utile netto compensato non-Gaap per il trimestre è stato di 81 milioni di dollari, pari a 0,44 per azione, dopo compensazioni azionarie e ammortamenti. Questo dato si rapporta a un utile netto compensato non-Gaap di 64 milioni di dollari, pari a 0,34 dollari per azione, registrati nello stesso trimestre dell’anno passato.

Il flusso di cassa operativo ha raggiunto i 209 milioni di dollari nel trimestre, in aumento del 27% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente. Alla fine del quarter, l’azienda contava su un fatturato differito di 1,44 miliardi di dollari, in crescita del 13% rispetto all’anno precedente. Tra contanti ed investimenti convertibili, l’azienda vantava al 31 maggio 2015 una liquidità di 1,97 miliardi di sollari.

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in rivista, portale www.zerounoweb.it e una linea di incontri con gli utenti.

Red Hat: crescite a due digit nel primo trimestre 2016

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 3