Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Microsoft Convergence Emea 2015, le innovazioni Office 365, Dynamics e non solo

pittogramma Zerouno

Microsoft Convergence Emea 2015, le innovazioni Office 365, Dynamics e non solo

10 Dic 2015

di Riccardo Cervelli

Dalle innovazioni nella suite di produttività Office 365 a quelle nella soluzione di customer engagement Dynamics Crm, fino al rilascio di un nuovo servizio per la creazione autogestita di app mobile da parte degli utenti, la casa di Redmond durante il Microsoft Convergence Emea riafferma il proprio impegno per l’empowering di chi sviluppa business

BARCELLONA – Più cloud, intelligence e integrazione fra diversi strumenti di produttività e collaborazione. È la prima sensazione che è stato possibile ricavare ascoltando gli annunci di prodotto e i discorsi strategici dei manager Microsoft alla annuale conferenza Convergence Emea, tenutasi la scorsa settimana nei padiglioni della Fira Gran Via di Barcellona. Partecipanti, circa 5.000 fra It manager e decisori di business.

Nessuna rivelazione di nuove tecnologie o paradigmi destinati a rivoluzionare l’Ict, ma una serie di ammodernamenti di soluzioni storiche e di introduzioni di nuovi sistemi che invece permettono agli attuali e futuri utenti Microsoft di essere più produttivi in un mondo in cui la capacità di raccogliere e analizzare informazioni fa sempre più la differenza ai fini della competizione di business, e l’accesso alle risorse It passa in modo crescente attraverso device mobili e il cloud.

Un momento del keynote relativo a Power Apps durante la conferenza

Alcune novità erano già state preannunciate nei mesi scorsi, e a Barcellona ne è stata dichiarata la general availability. Sono i casi della soluzione di customer engagement Dynamics Crm 2016 e di una sostanziosa rivisitazione della suite Office 365. Una vera e propria novità è stata la soluzione PowerApps, un nuovo servizio enterprise che consente agli utenti finali di creare le app di cui hanno bisogno, connettersi ai sistemi aziendali in modo sicuro e condividere le app stesse con i propri colleghi.

Commitment verso il Crm e produttività al Pc

Ma andiamo con ordine. La nuova versione di Dynamics Crm amplia le capacità di accesso a dati e strumenti di intelligence per “portare in superficie” insight che consentono ai professionisti delle vendite, del marketing e dei servizi di prendere decisioni e agire in modo più rapido e proattivo, anche nell’interazione diretta con i clienti. A rendere più potente sotto questo aspetto la nuova release di Dynamics Crm sono la possibilità di sfruttare i modelli della tecnologia Azure Machine Learning e l’integrazione con il sofware di assistenza e riconoscimento vocale Cortana. Altre funzionalità introdotte in Dynamics Crm 2016 consentono invece di creare app mobili task-centered che velocizzano il completamento di azioni iniziate nel corso di incontri face-to-face o di meeting presso i clienti. 

Se è vero che sempre più attività oggi sono svolte con il supporto di smartphone e tablet, Microsoft sostiene che buona parte delle decisioni e delle iniziative più strategiche sono ancora prese alla scrivania con un pc tradizionale. Ecco quindi debuttare nuove funzionalità nella suite Office 365. Forte anche delle risposte date da un campione di manager europei a Forrester, nell’ambito di un sondaggio commissionato dal vendor alla vigilia dell’evento, Microsoft sostiene che la digital transformation è sì oggi l’obiettivo principale delle aziende, ma non è un processo che si compie con un’unica rivoluzione in tempi stretti, bensì il risultato di un impegno di lungo termine. Questo include, per esempio, lo sforzo di migliorare costantemente l’empowering degli utenti attraverso la fornitura di sempre più innovative, e facilmente accessibili, funzionalità di collaborazione, intelligence e sicurezza.

Un momento del keynote relativo a Office 365 durante la conferenza

La novità più eclatante di Office 365, annunciata il primo giorno della kermesse, è l’integrazione con i servizi meeting e voice di Skype. Il matrimonio con Skype Meeting Broadcast, Public Switch Telephone Network (Pstn) Conferencing, Pstn Calling e Cloud Private Branch Exchange, permette agli utenti Office 365 di accedere, direttamente dalle applicazioni di produttività utilizzate quotidianamente, a funzionalità per chiamare, tenere conferenze e condividere video e documenti. A far data dall’inizio della Convergence Conference, inoltre, sono diventate disponibili in una nuova enterprise suite premium, Office 365 ES, altre innovazioni che riguardano analytics, data visualization, advanced security e compliance. Per i primi due si tratta dei Delve Analytics, strumenti per creare cruscotti ricchi e interattivi che permettono, per esempio, di avere insight su come si sta gestendo il proprio tempo e su quali siano le persone che è più importante contattare subito. Con Customer Lockbox, invece, gli utenti possono avere un controllo completo sugli accessi ai loro dati. Un’altra funzionalità, Office 365 Advanced eDiscovery, fa leva sul machine learning e su analytics applicate ai testi per ridurre i costi e i rischi in cui si può involontariamente incorrere quando si devono gestire grandi quantità di dati ai fini di e-discovery.

Il futuro viaggia sempre più sul cloud

Come abbiamo già anticipato, la news forse più stuzzicante annunciata all’evento è il lancio di PowerApps. Nel presentare la soluzione, i manager Microsoft hanno ricordato il ritardo con cui finora sono state sviluppate app mobile nel mondo enterprise rispetto a quanto avvenuto in quello consumer. Inoltre è stata citata una ricerca Gartner secondo la quale, di qui al 2017, la domanda di servizi per lo sviluppo di app mobile enterprise sarà dieci volte superiore alla capacità delle organizzazioni It aziendali di soddisfarla. Basato sulla piattaforma cloud Azure, PowerApps si presenta come un servizio che consente agli utenti finali mobili, nel giro di pochi minuti, di scaricare, installare e attivare app con connessioni ai dati già predisposte a servizi SaaS (Software as a service) quali Office 365, Dynamics, Salesforce, Dropbox e OneDrive, o a sistemi business on-premises come SharePoint, Sql Server, Database Oracle, Sap e altri ancora.

Fra le novità in arrivo nei prossimi mesi, infine, merita una segnalazione particolare la general availability dell’ultima versione dell’Erp di classe enterprise Microsoft Dynamics Ax. Il rilascio di questa soluzione, ingegnerizzata per poter sfruttare al massimo le opportunità del cloud computing di nuova generazione, è previsto nel primo trimestre del 2016. 

Riccardo Cervelli
Giornalista

57 anni, giornalista freelance divulgatore tecnico-scientifico, nell’ambito dell’Ict tratta soprattutto di temi legati alle infrastrutture (server, storage, networking), ai sistemi operativi commerciali e open source, alla cybersecurity e alla Unified Communications and Collaboration e all’Internet of Things.

Microsoft Convergence Emea 2015, le innovazioni Office 365, Dynamics e non solo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4