E-procurement: l’importanza delle soluzioni OCI / punchout | ZeroUno

E-procurement: l’importanza delle soluzioni OCI / punchout

pittogramma Zerouno

Würth Point Of View

E-procurement: l’importanza delle soluzioni OCI / punchout

La digitalizzazione del ciclo dell’ordine che passa da soluzioni quali OCI / punchout permette alle aziende un approvvigionamento più efficiente.

19 Apr 2021

di Redazione

L’impatto della pandemia sul business delle aziende ha comportato parecchi ostacoli nelle operazioni di approvvigionamento, distribuzione e spedizione delle merci.
Sebbene si siano riscontrate problematiche analoghe in passato, la pandemia dovuta al coronavirus è differente in quanto globale, il che rende difficile per chiunque individuare e acquisire nuovi fornitori, ritrovandosi coinvolti in questa difficile situazione tutti i soggetti, che siano fornitori o aziende loro clienti.

In questi giorni sono stati resi noti i risultati di una ricerca condotta da Aipem in collaborazione con l’Istituto Quaeris di Treviso, che intendeva conoscere il rapporto con la digitalizzazione delle imprese del Nordest. I dati confermano che va esplorato a fondo lo stato di preparazione delle aziende nel loro rapporto con la transizione digitale perché, se da una parte dodici mesi di pandemia hanno trasformato radicalmente il mercato e i modelli di relazione, dall’altra parte le imprese hanno avuto reazioni non uniformi. Il nuovo mercato esige flessibilità, ibridazione, conoscenze tecnologiche digitali. Senza di esse le aziende rischiano l’emarginazione.

Quali vantaggi derivano dalla digitalizzazione dei processi di approvvigionamento?

Sono le analisi del Politecnico di Milano sull’innovazione digitale a evidenziare alcuni vantaggi concreti che le aziende possono ottenere con l’e-procurement. I risparmi nella catena dell’approvvigionamento, dalle rilevazioni condotte, arrivano all’84% nell’ambito del settore dei materiali edili, all’82% nei settori materiali elettrici e largo consumo, all’80% in quello dei produttori di elettrodomestici.

Come poter digitalizzare l’approvvigionamento dai fornitori?

La soluzione c’è e consiste nel “Punchout“, che si riferisce alla comunicazione elettronica tra i sistemi interni di approvvigionamento di un’azienda e i propri fornitori: un acquirente può accedere ai cataloghi dei fornitori e quindi acquistarne i prodotti rimanendo all’interno della propria infrastruttura gestionale. Ad esempio, se il cliente utilizza un sistema ERP – come SAP – per gestire gli acquisti, è possibile accedere e procurarsi il materiale necessario senza uscire dalla piattaforma SAP, attraverso lo standard OCI (Open Catalog Interface).

A differenza della maggior parte delle PMI le aziende B2B, in particolare quelle medio-grandi, usano già il punchout. Tra queste Würth Italia, che fornisce ai propri clienti una soluzione OCI / punchout che connette il sistema gestionale e l’Online-Shop Würth. I clienti possono ordinare i prodotti da acquistare trasferendoli automaticamente al sistema gestionale con i relativi dati (quantità, prezzo, indirizzi di spedizione, centri di costo, autorizzazioni multilivello). L’ordine così precompilato viene quindi gestito secondo i processi interni propri dell’azienda e sottoposto a eventuali controlli, autorizzazioni, verifiche del budget. Successivamente viene trasmesso a Würth per l’evasione della merce.

“La tecnologia OCI / punchout consente di utilizzare le piattaforme esterne dei fornitori solo per selezionare i prodotti” – dichiara il Responsabile Commercial & Operation E-Business di Würth Italia, Fabio Mellaia – “Tutte le operazioni di acquisto e di gestione della fiscalità e della burocrazia verranno gestite direttamente dal gestionale.” Una soluzione che facilita il processo di approvvigionamento.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Articolo 1 di 4