SAP Fiori: come monitorare e gestire i reparti aziendali da mobile

pittogramma Zerouno

Sponsored Story

SAP Fiori: come monitorare e gestire i reparti aziendali da mobile

In un periodo in cui lo smart working è la nuova normalità, le aziende hanno bisogno di accedere a gestionali e piattaforme tra cui SAP anche da dispositivi mobili, come smartphone e tablet. SAP Fiori è uno strumento indispensabile. Ne abbiamo parlato con Fabio Mela, Managing Director BU SAP Operations di Data Network Consulting.

10 Mar 2022

di Redazione

SAP Fiori è l’interfaccia SAP per le aziende che desiderano monitorare e gestire reparti aziendali da device mobili. Realizzata secondo un approccio multipiattaforma, SAP Fiori racchiude al suo interno una suite di applicazioni attraverso la quale gestire processi aziendali e monitorare costantemente lo stato dei singoli reparti. Nel dettaglio, Fabio Mela, Managing Director BU SAP Operations di Data Network Consulting, evidenzia che “SAP Fiori racchiude soluzioni finalizzate a ottimizzare la gestione dei processi aziendali, con un’interfaccia semplice, intuitiva e capace di scalare automaticamente in base alla risoluzione dello schermo del dispositivo. È la soluzione ideale per semplificare le operazioni effettuate con maggior frequenza da parte degli utenti”. In quest’ottica, SAP Fiori può essere considerato un vero e proprio cambio di paradigma nel mondo SAP. L’utente accedere a un’esperienza completa e coerente, tale da semplificare l’interazione con le singole applicazioni.

Le applicazioni SAP Fiori per monitorare reparti aziendali

La peculiarità di SAP Fiori è quella di racchiudere al suo interno tre diverse tipologie di applicazioni: transazionali, schede informative e analitiche. Ciascuna di essere offre funzionalità avanzate al fine di monitorare i reparti aziendali. Fabio Mela evidenzia che “le app transazionali consentono di svolgere attività come la creazione di ordini di vendita, fatture, offrire viste e interazioni dirette con processi e soluzioni SAP già esistenti, il tutto integrandosi con facilità con SAP S/4 HANA. Le app con schede informative, invece, risultano indispensabili per approfondire i dati chiave e le informazioni contestuali nelle operazioni di ogni singolo reparto. A portata di tap è possibile, inoltre, avviare transazioni a livello di app o direttamente nel sistema di backend. Ultime, ma non meno importanti, sono le app analitiche che facilitano l’accesso a informazioni in tempo reale basate sui ruoli delle operazioni aziendali, garantendo così un attento monitoraggio degli indicatori KPI, fornendo la possibilità di eseguire calcoli complessi e aggregazioni per reagire immediatamente al variare delle condizioni di mercato.”

Una migliore usabilità per la gestione da remoto

Rispetto alla classica interfaccia utente, con SAP Fiori è stato fatto un passo in avanti a livello di usabilità. Partendo dal Launchpad, in cui il layout può essere personalizzato secondo i ruoli aziendali, fino alla disposizione dei pulsanti all’interno delle app, “l’interfaccia è studiata per uniformare l’esperienza di utilizzo di software diversi tra di loro e garantire all’utente finale un facile adattamento, andando a minimizzare il numero di potenziali errori. In SAP Fiori, l’utente è al centro e intorno a lui è stato costruito uno spazio virtuale con un tema grafico predefinito che è stato esteso ad ogni tipologia di applicazione: un’app, una transazione SAP classica o un report. Tutto ciò è pensato per garantire la continuità dell’esperienza. Ulteriore punto di forza di SAP Fiori sono le notifiche interattive che compaiono in seguito a eventi scatenati nel sistema, in un’ottica di automazione tra utenti e sistema. Contemporaneamente, Fiori integra anche una funzionalità di ricerca semantica che, andandosi ad interfacciare con le tile nel Launchpad e i dati a sistema, permette un accesso rapido ai risultati della ricerca. Tutte queste novità portate da SAP Fiori, nella nostra esperienza, risultano essere apprezzate da parte degli utenti finali. L’approccio adottato è user-friendly, molto simile al modo in cui sono utilizzati gli smartphone”, evidenza Fabio Mela

Applicazioni SAP Fiori per soddisfare le esigenze di ogni reparto aziendale

Al contempo, “il numero delle app su SAP Fiori continua a crescere rapidamente. Si parte dalle applicazioni per gestire e visualizzare fornitori, i relativi saldi, creare corrispondenza, per poi passare alla produzione, fino alla gestione documentale, finanziaria e molto altro ancora. A fronte tutto ciò, DNC supporta i propri clienti nella definizione condivisa delle reali esigenze di operatività e processo, con l’obiettivo di attivare una logica applicativa per soddisfare le necessità di gestione e monitoraggio dei reparti. Dopo aver creato le entità dati, la fase successiva è quella operativa dedicata all’implementazione della soluzione SAP Fiori, seguita dalla fase di test, prima del rollout.” spiega Fabio Mela

Quindi, SAP Fiori si rivela essere indispensabile in tutti i contesti in cui è necessario monitorare e gestire da remoto i reparti aziendali. Il crescente numero di applicativi disponibili che ricoprono fasi come procurement, l’inventario, la produzione, fino ai dati economici e la loro facilità di utilizzo abilita la visione dei reparti aziendali da remoto, con un singolo punto di accesso, capace di adattarsi a qualsiasi dispositivo. “La continua integrazione di nuove applicazioni e funzionalità in SAP Fiori è la conferma della crescente ricerca da parte delle aziende nell’attivazione di soluzioni moderne, capaci di soddisfare la nuova esigenza di lavoro ibrido in cui le organizzazioni si trovano, costantemente, di fronte alla necessità di accedere e controllare da remoto i reparti aziendali.” conclude Fabio Mela.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Articolo 1 di 4