Ayno e Zoom, insieme per il futuro della videoconferenza | ZeroUno

Ayno e Zoom, insieme per il futuro della videoconferenza

pittogramma Zerouno

Attualità

Ayno e Zoom, insieme per il futuro della videoconferenza

Una partnership nata molto prima della pandemia che oggi rappresenta un’offerta consolidata per le imprese che vogliono accelerare la digital transformation, scoprire nuove opportunità, migliorare governance e produttività e favorire il lavoro agile e flessibile.

19 Apr 2021

di Roberta Fiorucci

Di fatto, il modern workplace non è più solo un trend legato a un periodo di emergenza, ma una modalità concreta di lavoro in mobilità e da qualsiasi device, agile e produttivo anche grazie a sistemi di collaborazione e videoconferenza.

Gli analisti dell’Osservatorio Smart Working della School of Management del Politecnico di Milano hanno stimato che al termine dell’emergenza sanitaria, i lavoratori da remoto saranno 5,35 milioni, di cui 1,72 milioni in grandi realtà d’impresa, oltre 920 mila nelle PMI, 1,23 milioni nelle microimprese e 1,48 milioni nella Pubblica Amministrazione. Una grande impresa su due interverrà sugli spazi fisici ed il 36% amplierà i progetti di smart working già in essere coinvolgendo processi e governance.

In questa direzione si completa l’offerta per la realizzazione di moderne comunicazioni aziendali grazie alla partnership tra Zoom e Ayno.

Ayno, tra video collaboration e system integration

La pandemia ha accelerato la diffusione di sistemi di videoconferenza e allo stesso tempo ha mostrato come la possibilità di comunicare agevolmente tra dipendenti o verso l’esterno sia diventata non solo una necessità ma una grande opportunità per le aziende.

“Questa partnership”, afferma Luciano Zoccoli, managing director di Ayno Videoconferenze “ha tra gli obiettivi anche quello di rendere popolare e diffondere l’utilizzo di sistemi di videoconferenza e collaboration non solo come necessità del momento. La videoconferenza è stata fino a un anno fa una tecnologia secondaria o d’elite mentre oggi è entrata nelle priorità tecnologiche delle aziende, è diventata popolare”.

foto Luciano Zoccoli
Luciano Zoccoli, managing director di Ayno Videoconferenze

Ayno si occupa da oltre vent’anni di videoconferenza, e ha sempre scelto di lavorare con le aziende più innovative, con chi offre la tecnologia di maggior successo. È membro di GPA, Global Presence Alliance, un’organizzazione internazionale con sede ad Amsterdam, di esperti di system integration con cui coordina progetti globali. “Oggi siamo una realtà con esperienza consolidata e allo stesso tempo” continua Luciano Zoccoli “ci consideriamo portatori di tecnologia nuova in grado di supportare le aziende verso contesti lavorativi moderni e sempre più agili”. Ayno affianca alle competenze del system integrator anche quelle di progettazione degli spazi. Integrare software e hardware significa pensare ad ambienti dove tutto è reso più semplice e intuitivo e perfino confortevole come accade nelle meeting rooms.

Zoom Communications Platform

Zoom è una piattaforma di videocomunicazione cloud based che nasce principalmente per enterprise e per andare incontro alle esigenze di realtà complesse fornendo molti strumenti e oltre 400 integrazioni. Inserita come Leader for Meeting Solution dal 2017 al 2020 nel Magic Quadrant da Gartner è una soluzione all-in-one per video, audio, messaggistica, condivisione dello schermo o di lavagna interattiva con più utenti contemporaneamente. All’interno di una Zoom Room è possibile interagire con qualunque piattaforma in standard H. 323/ SIP, condividere contenuti su più display anche via wireless ed effettuare chiamate. Il sistema di management permette di controllare le sale Zoom mentre attraverso dashboard, gli IT manager possono visualizzare dati ed informazioni per analizzare il funzionamento e migliorare le performance.

Pensare in grande, continuare ad investire in tecnologia ed offerta innovativa ma anche garantire una user experience ottimale è un obiettivo importante per l’azienda come spiega Marco Zatta, Channel manager Zoom e responsabile dell’area Mediterranean. Alla fine del quarto trimestre dell’anno fiscale 2021, Zoom aveva circa 467.100 aziende clienti con più di 10 dipendenti, una crescita di circa il 470% rispetto allo stesso trimestre dell’anno fiscale precedente, dati significativi.

foto Marco Zatta
Marco Zatta, Channel manager Zoom e responsabile dell’area Mediterranean

La nuova offerta di un servizio di telefonia nativa Zoom su cloud, Zoom phone, va ad integrare la proposta diretta alle aziende e garantisce comunicazioni vocali sicure con affidabilità e qualità del servizio di classe enterprise. “La partnership tra Zoom e Ayno ci permette non solo di essere presenti e ben distribuiti in Italia ma anche di andare a colmare l’offerta rivolta ad aziende fortemente orientate a modalità di lavoro ibrido dove produttività, gestione di costi e semplicità di utilizzo sono importanti” continua Marco Zatta. “Ayno è una realtà con un background focalizzato nel settore delle videoconferenze. Ha radici solide e valorizza il nostro prodotto con un servizio di consulenza e la realizzazione di progetti complessi customizzati e adattati alle esigenze del cliente. Non solo sono specialisti ma danno un valore in più al nostro ecosistema di funzioni e tecnologie”.

Zoom_platform

Vantaggi e casi d’uso nella comunicazione aziendale

La diffusione di uffici ibridi ha portato la necessità di strumenti adatti a comunicare a distanza e allo stesso tempo, ha creato vantaggi competitivi per le aziende che devono scegliere sistemi e tecnologie agili. I casi d’uso che vedono l’utilizzo della tecnologia Zoom combinata con le esigenze del cliente e frutto della consulenza e realizzazione di Ayno, sono trasversali nei diversi settori imprenditoriali.

Vivere al meglio gli spazi aziendali, avere una visione olistica e semplificare il lavoro dei team oppure migliorare l’impatto estetico, ottenere integrazioni o sfruttare i vantaggi del cloud per realizzare meeting snellendo la gestione IT, sono alcuni dei vantaggi. Zoom è una tecnologia solida e internazionale molto diffusa in settori come quello finanziario, della formazione e accademico in cui la comunicazione audio e video è legata ad un numero di partecipanti elevato. Tra le diverse esigenze, creare un sistema per gestire più sedi e abbattere i costi organizzativi e di trasferte. Ma anche specifiche richieste come la realizzazione nel manifatturiero di uno “Zoom showroom” in cui l’export manager può comunicare con i clienti per visionare il campionario senza viaggiare. Ayno non si limita ad essere partner ma è testimonial dei suoi progetti attraverso le proprie sedi con all’interno 8 zoom rooms di varie dimensioni che funzionano con tecnologie diverse e che l’azienda mette a disposizione per dimostrazioni anche da remoto.

Roberta Fiorucci

Giornalista

Roberta Fiorucci scrive di tecnologia, innovazione digitale e digital transformation per le imprese, prima come copywriter e technical writer poi collaborando con case editrici e riviste di settore. Nel 2008 ha creato una sua agenzia di comunicazione specializzata in brand management nel settore IT e sviluppo di progetti innovativi. Nel 2020 ha iniziato la sua collaborazione con ZeroUno

Ayno e Zoom, insieme per il futuro della videoconferenza

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4