Salesforce Customer 360, 3 fattori per innovare la tua strategia | ZeroUno

Salesforce Customer 360, 3 fattori per innovare la tua strategia

pittogramma Zerouno

Focus on

Salesforce Customer 360, 3 fattori per innovare la tua strategia

Come è possibile migliorare l’efficacia delle strategie di data driven marketing con l’aiuto di Salesforce Customer 360.

05 Feb 2021

di Customer engagement a prova di futuro

Salesforce Customer 360 è un supporto indispensabile per le aziende che optano per modelli di data driven marketing. Iper personalizzazione, omnicanalità e interazione sono in cima ai pensieri dei CMO, che per tradurre in pratica questi approcci ha bisogno di strumenti digitali evoluti. Piattaforme che permettono di evolvere da una visione cristallizzata e parziale del cliente a una dinamica e universale. Il problema è che le informazioni sul consumatore sono sovente disseminate in una pletora di repository e database diversi. Duplicazioni e discrepanze sono, quindi, spesso inevitabili.

Come concretizzare gli approcci di marketing data driven

Salesforce Customer 360 funziona come un vero e proprio hub che aggrega e sincronizza tutti i dati del cliente, a prescindere dal fatto che siano prodotti dai sistemi usati in azienda – ERP, CRM, piattaforme di eCommerce – o che provengano da terze parti – App mobile esterne, cookie di tracciamento, Social, Adv – arricchendone il profilo e individuando i comportamenti. I dati in questione potranno essere deduplicati, eliminando le ridondanze e le discordanze, aggregati, analizzati e visualizzati su richiesta. Il potente motore di intelligenza artificiale Salesforce Einstein permette di “azionare” questi dati e tradurli in iniziative efficaci e ingaggianti. Salesforce Customer 360 permette di innovare gli approcci di marketing grazie a queste tre caratteristiche:

  1. Vista unificata a 360° del consumatore

    Con Salesforce Identity for Customers è possibile garantire un accesso unico e protetto a tutte le digital property aziendali, che si tratti di un’App per smartphone, un prodotto connesso o un sito di eCommerce. Il cliente sarà riconosciuto come un’entità unica a prescindere dal touchpoint o dal mezzo di identificazione utilizzato – account e-mail, numero di telefono fisso, mobile…

  2. Customer Experience omnicanale integrata e fluida

    Con Salesforce Customer 360 Data Manager si realizza l’integrazione perfetta tra tutte le attività di marketing, eCommerce, vendite e customer service. Data Manager assegna un ID univoco a ciascun cliente, in modo da poter riunire tutti i record che lo riguardano, anche se gestiti da sistemi diversi, in una vista unificata. In questo modo, il Customer Engagement è realmente fluido e integrato. Anziché replicare tutti i dati correlati in un database centralizzato, Customer 360 Data Manager crea e archivia un profilo cliente unificato e opera da hub di interscambio tra i diversi sistemi aziendali: le informazioni rimarranno sempre immagazzinate nella fonte dati che le ha generate ma saranno aggiornate in tempo reale e potranno essere consultate immediatamente su richiesta.

  3. Data driven marketing

    Oggi è possibile massimizzare l’efficacia delle strategie di data driven marketing lavorando sui buyer attivi, creando quindi messaggi e iniziative commerciali mirate per audience di individui che già sappiamo essere potenzialmente interessati alla nostra offerta. Questo lo possiamo fare perché Salesforce Customer 360 Audience Studio espande le funzionalità della Customer Data Platform e del CRM Salesforce per consentire ai marketer di integrare nel profilo universale del consumatore non solo i nostri dati ma anche quelli di seconde e terze parti – interazioni sui social media, banche dati esterne e cookie di tracciamento dei comportamenti online. Sarà possibile identificare facilmente i microsegmenti di consumatori che offrono le maggiori probabilità di conversione, quelli a cui è associato il miglior Customer Lifetime Value, quelli che, al contrario, sono scontenti del brand e sono in procinto di abbandonarlo, oppure quelli che hanno caratteristiche simili ai top-spender e decidere di orchestrare iniziative di engagement, fidelizzazione, cross e upselling, re-engagement e winback molto più efficaci. Queste informazioni possono essere utilizzate anche per orchestrare campagne advertising sui principali canali digitali, aumentando la precisione del targeting, le probabilità di click/conversione e – in ultima analisi, aumentando l’efficienza della spesa pubblicitaria.

Clicca qui per scaricare il white paper - Marketing nel fashion: come personalizzare l’esperienza

A

Customer engagement a prova di futuro

Articolo 1 di 4