Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

CA Technologies, come organizzare l’IT mobile

pittogramma Zerouno

CA Technologies, come organizzare l’IT mobile

17 Feb 2014

di Cristina M. Palumbo

Il fenomeno dell’enterprise mobility analizzato dalla società di ricerca Vason Bourne per conto di Ca Technologies in 75 aziende italiane

App e device mobili: il loro numero aumenta, così come il gradimento che raccolgono, indubbiamente in ambito privato, e sempre più anche nel mondo professionale. Ma nelle aziende l’adozione di questi device deve inserirsi in un’infrastruttura in grado di gestire applicazioni e dispositivi; solo così i nuovi asset possono essere utilizzati in processi già esistenti, in modo sicuro e tale da rendere l’azienda più efficiente, produttiva e capace di anticipare le esigenze del mercato.

Ca Technologies ha commissionato alla società di ricerca Vanson Bourne uno studio internazionale (condotto su 1300 responsabili It in 21 Paesi) per indagare il fenomeno dell’enterprise mobility che ha coinvolto anche 75 aziende italiane. Proprio riguardo al sotto insieme del campione relativo alle società nostrane, il TechInsights Report: Enterprise Mobility ha rivelato che i benefici rilevati dall’aver adottato una strategia di mobility riguardano sia i clienti sia i dipendenti: da un lato è stata registrata una crescita del 23% del numero di clienti, dall’altro è stato riscontrato un miglioramento del 27% nella produttività dei dipendenti e un aumento del 25% nella fidelizzazione del personale. Dalla ricerca emerge inoltre che in questo momento la priorità di investimento è data alle app da realizzare sia per i clienti che per i dipendenti; in Italia questo interesse è particolarmente spiccato rispetto agli altri Paesi europei.

Ca Technologies, per voce di Luca Rossetti, Senior Business Technology Architect dell’azienda, suggerisce invece di affrontare l’enterprise mobility in modo olistico, includendo oltre alle app, i device e tutti gli aspetti di sicurezza passando per cinque “ingredienti” base: la strategia (che deve essere end to end); l’expertise, rappresentata da risorse qualificate; la collaborazione, affinché vi siano sinergie di budget e di risorse all’interno della stessa realtà; sicurezza (di dati, di contenuti…) e organizzazione per essere più veloci nel raggiungimento dei propri obiettivi.

CA ha realizzato un sito specificamente dedicato alla mobility consultabile all’indirizzo: www.ca.com/mobility. 

Cristina M. Palumbo

Articolo 1 di 4