Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Sempre più forte l’interesse per il cloud Iaas

pittogramma Zerouno

Mercati

Sempre più forte l’interesse per il cloud Iaas

Il periodico sondaggio “You & Iaas” di Longitude Research, commissionato da Oracle sull’adozione del cloud nelle imprese, rivela un rapidissimo incremento d’interesse per l’Infrastructure as-a-service

18 Ott 2017

di Piero Todorovich

Le infrastrutture IT as a service danno opportunità per accelerare l’innovazione aziendale, guadagnare in agilità e rapidità nell’esecuzione dei progetti. Per questo sono oggi implementate da un numero crescente di imprese nelle diverse componenti cloud: “Ciò che sorprende è la velocità con cui l’interesse si sta diffondendo nelle aziende, anche italiane”, spiega Luigi Scappin, direttore prevendita e business development Oracle Italia, presentando a Milano i risultati di una nuova rilevazione nell’ambito del rapporto “You & Iaas” realizzato da Longitude Research per analizzare il punto vista delle imprese (internazionali e italiane) sui nuovi modi di concepire l’IT e il loro approccio verso il cloud. “Ad appena tre mesi dalla prima rilevazione, gli indici mostrano variazioni di molti punti percentuali che fotografano una situazione in rapido cambiamento”; Scappin accenna a una sorta di “effetto valanga” dove il successo delle prime esperienze con il cloud e la maturazione dell’offerta servizi da parte di differenti provider stanno moltiplicando l’interesse verso il cloud Iaas e non solo. “Le aziende si sono rese conto che lo Iaas è un’opzione per migliorare la competitività e vogliono poterne disporre nel più breve tempo possibile”.

Il campione dell’indagine (1610 rispondenti in aziende di ogni dimensione operanti in differenti mercati e nazioni occidentali, il 13% in Italia) si è espresso in modo diverso su molti punti. Mentre tre mesi fa il 62% dei rispondenti dichiarava di avere interesse nello Iaas per scopi d’innovazione del business, la percentuale dell’ultima rilevazione è salita al 72%. Il dato relativo alle aziende italiane, pari al 69%, mostra un balzo ancora superiore, considerando il 56% di partenza. Secondo Scappin, avere una “cloud strategy” è oggi fondamentale per garantire vantaggio competitivo: “Il cloud cambia il modo di gestire i nuovi progetti di business. Permette di provare nuove strade con ridotti investimenti, quindi con poche conseguenze in caso d’insuccesso. E innovare significa fare prototipi, tentare, fallire e provare di nuovo fino a ottenere i risultati desiderati”.

Un altro aspetto che testimonia il rapido cambiamento d’opinione delle imprese è la valutazione sull’affidabilità dell’IT in cloud. Mentre prima dell’estate solo il 47% dei rispondenti era d’accordo che i servizi realizzati in cloud fossero più affidabili di quelli on premise nel datacenter aziendale, l’ultima rilevazione ha visto la percentuale salire al 68%. Il cloud è più affidabile dei sistemi aziendali anche per il 73% delle aziende italiane, contro 54% che aveva dato la stessa opinione tre mesi prima.

Il maggiore interesse per il cloud ha, per converso, aumentato anche la sensibilità verso i possibili problemi. Tra i timori relativi alle implementazioni di cloud Iaas, l a sicurezza sale dal 26 al 32%. “Le nuove regole europee GDPR hanno messo il tema della sicurezza sotto la lente d’ingrandimento. È un fatto che per risolvere problemi di compliance nei data center esistenti il cloud possa costituire la migliore soluzione”, precisa Scappin. Stabile a livello globale l’attenzione ai costi (28%), mentre sale la tensione nella ricerca di persone con skill specifici. Il timore dello skill shortage è salito in tre mesi a livello globale dal 21 al 28%.

Piero Todorovich

Giornalista

Giornalista professionista dal 91, ha scoperto il Computer negli Anni 80 da studente e se n'è subito innamorato, scegliendo di fare della divulgazione delle tecnologie e dell'informatica la propria professione. Alla passione per la storia delle tecnologie affianca quella per i viaggi e la musica.

Sempre più forte l’interesse per il cloud Iaas

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4