Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Sanità digitale: così la piattaforma per la riabilitazione Mirrorable diventa ‘in the cloud’

pittogramma Zerouno

News Digital360 Awards 2018

Sanità digitale: così la piattaforma per la riabilitazione Mirrorable diventa ‘in the cloud’

29 Mar 2018

di Valentina Bucci

FightTheStroke, che ha ottenuto il Premio Speciale Impatto Sociale ai Digital Awards 2017, prosegue a impegnarsi in ambito sanità digitale e rende la sua piattaforma Mirrorable per la riabilitazione a domicilio dei bambini una soluzione cloud con l’obiettivo di favorire la riduzione dei costi di distribuzione e la diffusione geografica della soluzione.

Ai Digital360 Awards dello scorso anno, FightTheStroke, associazione di Promozione Sociale, vinceva il Premio Speciale Impatto Sociale con un progetto in ambito sanità digitale: la piattaforma per la riabilitazione a domicilio Mirrorable. La soluzione è dedicata ai bambini con difficoltà di movimento causate da danni cerebrali subiti in una fase precoce della loro vita.

Si basa su principi scientifici legati alla stimolazione della plasticità del sistema motorio che si attiva tramite il meccanismo dei neuroni specchio (neuroni che si attivano quando un individuo compie un’azione osservando la stessa azione compiuta da un altro soggetto). Il paziente migliora semplicemente guardando delle video-storie ed esercitandosi con altri bambini con bisogni simili. Come si è evoluta Mirrorable e che nuovi obiettivi si sta dando FightTheStroke?

Per quanto riguarda la piattaforma, Francesca Fedeli, Founder dell’associazione, spiega come, verificata l’effettiva efficacia del processo riabilitativo, il lavoro si sia spostato sul rendere scalabile la soluzione; collaudato il sistema pilota e fatte, attraverso misurazioni in ambito neurologico e cinematico, le verifiche necessarie a provare scientificamente i progressi del paziente, la sfida è stata pensare a un modello di soluzione adatto a una distribuzione su larga scala: “Abbiamo reso la piattaforma un’app accessibile via web, eliminando tutta quella infrastruttura hardware che serviva a gestire il trial clinico” dice Fedeli. Nasce così Mirrorable ‘in the cloud che abbassa i costi di distribuzione e favorisce la diffusione geografica della soluzione. Parallelamente a queste evoluzioni tecnologiche, l’associazione si è impegnata nella creazione di una struttura che potesse essere di riferimento per i pazienti e le loro famiglie: a settembre dell’anno scorso prende vita il Centro Stroke Neonatale e Pediatrico in collaborazione con l’Ospedale Pediatrico Gaslini di Genova. “Con Mirrorable abbiamo lavorato sulla riabilitazione a distanza, importante per consentire ai bambini di fare progressi aiutati da un ambiente domestico e familiare, ma ciò non toglie che la presenza di strutture sanitarie specializzate sul territorio sia fondamentale”, dice Fedeli, che quindi spiega: “Il Centro Stroke funziona come un hub a livello nazionale, un ‘centro di smistamento’ grazie a cui riusciamo a raggiungere le famiglie, guidarle nelle fasi iniziali di profilazione, svolgimento degli esami, diagnosi”. L’associazione sta impegnandosi anche nella creazione di altri centri distribuiti sul territorio – sempre in alleanza con il Sistema Sanitario Nazionale – dove i bambini, già in contatto virtualmente grazie a Mirrorable, possano incontrarsi anche di persona e partecipare insieme ad altri momenti riabilitativi. All’esperienza degli Awards va, secondo Fedeli, il merito di aver aiutato FightTheStroke a farsi conoscere: “L’evento è stato una bella occasione di confronto con gli altri partecipanti e tanti professionisti dell’IT e ha avuto una risonanza mediatica di valore che ha contribuito a diffondere il nome di Mirrorable, a rendere nota l’iniziativa dell’associazione anche in un target più specifico come quello dei CIO [ricordiamo che la giuria dei Digital360 Awards 2017 era composta da oltre 50 CIO di aziende private e pubbliche – ndr]”.

Valentina Bucci
Giornalista

Giornalista pubblicista, per ZeroUno scrive dei cambiamenti che la digitalizzazione sta imponendo alle imprese sul piano tecnologico, organizzativo, culturale e segue in particolare i temi: Sicurezza Informatica, Smart Working, Collaboration, Big data, Iot. Master in Giornalismo e comunicazione istituzionale della scienza (Università di Ferrara), laurea specialistica in Culture Moderne Comparate (Università di Bergamo).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 4