Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Green Data Center Eni, record mondiale di efficienza energetica: parte il cantiere

pittogramma Zerouno

Green Data Center Eni, record mondiale di efficienza energetica: parte il cantiere

06 Dic 2011

di Rinaldo Marcandalli

Posata la prima pietra del cantiere del nuovo Green Data Center Eni. alla cerimonia fanno gli onori di casa in prima persona, l’Amministratore Delegato e il Direttore Ict Eni. Nell’intervento del primo, Paolo Scaroni, risuonano tutto l’orgoglio e la consapevolezza della scelta che pone Eni a livello di eccellenza mondiale per la sostenibilità degli investimenti informatici. Nelle parole del secondo, Gianluigi Castelli, c’è la filosofia di un’adesione ragionata a un Private Cloud, centrale alla strategia del Gruppo.

All’inaugurazione del cantiere del nuovo, e unico, Green Data Center, a Ferrera Erbognone (vicino alla raffineria Eni di Sannazzaro de’ Burgondi) in provincia di Pavia, Gianluigi Castelli (nella foto), direttore Ict di Eni, presenta a un folto uditorio i principi che hanno guidato la progettazione del data center e una scheda delle caratteristiche tecniche. Immissione libera di aria. Alimentazione elettrica in continuità con dispositivi le cui specifiche di alimentazione e affidabilità sono state emesse da Eni. Soprattutto, la concezione di un nuovo centro come passo di un profondo processo di rinnovamento: il nuovo data center verrà popolato solo da macchine di nuova generazione, nessuna infatti “traslocherà” dagli attuali Data Center Eni; e su tale rinnovata infrastruttura si accederà alle applicazioni in modalità private cloud. Obiettivo non solo un alto livello di efficienza in senso lato, ma un’efficacia di fruizione dei servizi in cloud dalle linee di business.
I progetti di migrazione si concluderanno in tempo utile per rendere operativo il nuovo cuore dell’informatica Eni nel 2013. Pochissime le altre aziende al mondo (solo i colossi informatici mondiali, primo fra tutti Google) hanno fatto ciò che sta realizzando Eni, con un investimento ingente su un impianto di eccellenza in cui le capacità delle persone Eni potranno continuare a svilupparsi su problemi sempre più complessi: “È un programma coraggioso di profonda trasformazione che testimonia la passione di Eni per l’innovazione totale, non solo per l’innovazione che riguarda il nostro core business”, ha detto Castelli.
Paolo Scaroni, amministratore delegato del Gruppo, snocciola cifre che illustrano investimenti e record che già appartengono a questa realizzazione. Da un punto di vista operativo, vi si consolidano 35.000 processori e server sparpagliati in Italia e nel mondo. L’unico Data Center sarà grande come un ottavo del più grande “raccoglitore” di dati mondiale, Google. L’investimento? 120 milioni di euro tutti erogati entro fine 2012. Perché un unico Data Center? Il nuovo Green Data Center riduce il numero di macchine, dà maggior capacità produttiva, efficienza ed efficacia; inoltre, dato che gli attuali data center sono necessariamente tutti ridondati (per garantire la continuità operativa in caso di guasti e per picchi di attività), il consolidamento in un unico sito consente di risolvere anche questa dispersione di risorse, diminuendo ulteriormente i consumi di energia, personale, spazi.
“Solo” maggiore efficienza alla base di queste scelte? La risposta di Scaroni discende più in generale dalla “passione per l’eccellenza che nello spirito di Eni” è non solo per campi petroliferi, raffinerie, tubi di gas, ma per un Green Data Center che sia campione dei parametri fondamentali dell’industria, primo fra tutti l’energia e la minimizzazione del suo consumo. E non solo, conclude Scaroni, i Mega Data Center tendono a migrare da Italia ed Europa verso Paesi che offrono manodopera informatica meno costosa. Ma “Eni ha voluto farne uno qui” convinta anche che rappresenti un punto di eccellenza e di formazione per i giovani, nel quadro di un più ampio rapporto “ecologico” con il Paese in cui opera, per cui “quello che prende, dà di ritorno”, un principio che rientra nel paradigma della sostenibilità. Principio che si traduce nel creare un polo informatico accanto a una raffineria in cui Eni opera da tanti anni.

Collezione di record!

Il Green Data Center Eni punta alla massima efficienza con il minimo impatto ambientale.
Il sistema di raffreddamento, basato sul principio del camino, ogni ora riciclerà 8 milioni di metri cubi di aria abbattendo il bisogno di aria condizionata (condizionatori spenti per il 75% del tempo). Un livello di utilizzo energetico del 6% in meno rispetto a Google, oggi campione mondiale dell’efficienza energetica. Record italiani per massima potenza It (30 Mw) e la superficie lorda (45.000 mq). Record mondiali sono invece densità energetica media (oltre 10 kw/mq) ed efficienza energetica che “sfonda” il muro di 1,2 di Power Usage Effectiveness (Pue): l’energia elettrica totale necessaria è meno del 20% in più rispetto all’energia elettrica assorbita dai soli apparati It. Il Data Center Eni è situato nei pressi di Sannazzaro de’ Burgundi, dove, oltre alla raffineria Eni si trovano tre centrali che producono energia elettrica a gas: il trasporto dell’energia, causa prima di dispersioni, semplicemente non c’è, l’energia elettrica è prodotta dove è consumata. Anche la sicurezza detta la scelta della località: un’area di raffineria presidiata 365 giorni all’anno, 24h, è un’ottima base per un monitoraggio perimetrale unico.

Rinaldo Marcandalli
Giornalista

Consulente aziendale e giornalista. 40+ anni di esperienza nello sviluppo software, laboratorio IBM e field, nelle telecomunicazioni prima e poi nelle applicazioni e nel governo del Dipartimento It. Esperienze sul campo in settori bancario, in particolare interbancario, assicurativo e pubblica amministrazione. Da 20+ anni segue prima da consulente e poi come giornalista l’evoluzione dei processi nei settori e da 10+ anni la loro trasformazione progressiva al digitale, specializzandosi nello studio della riorganizzazione agile, digitale e smart delle Aziende.

Articolo 1 di 3