Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Emc Greenplum, appliance per i big data

pittogramma Zerouno

Emc Greenplum, appliance per i big data

06 Ott 2011

di Giampiero Carli Ballola

Nel luglio del 2010 Greenplum, una società specializzata nelle piattaforme per l’analisi di grandi set di dati strutturati e non strutturati è stata acquisita da Emc, della quale è diventata la divisione Data Computing. Quest’anno Emc ha presentato Greenplum Dca (Data Computing Appliance), un sistema integrato hardware e software che comprende unità di storage ed elaborazione; Greenplum Database, ad architettura Mpp shared-nothing; Greenplum HD (che sfrutta la tecnologia Apache Hadoop per l’analisi dei dati non strutturati in una versione pacchettizzata per l’impresa che evita i rischi tipici del software open source), nonché strumenti Etl e applicazioni analitiche e di business intelligence di terze parti. L’appliance è ottimizzata per l’esecuzione veloce di query su grandi volumi di dati e ha una struttura modulare che consente configurazioni indirizzate a impieghi specifici: per esempio per l’analisi di basi dati dell’ordine dei petabyte piuttosto che per l’elaborazione contemporanea di dati strutturati e non strutturati o ancora per l’archiviazione a lungo termine.

Giampiero Carli Ballola
Giornalista

Giampiero Carli-Ballola, nato nel 1942 e giornalista specialista in tecnologia, collabora con ZeroUno dal 1988. Segue i processi di digitalizzazione del business con particolare attenzione ai data center e alle architetture infrastrutturali, alle applicazioni big data e analitiche, alle soluzioni per l’automazione delle industrie e ai sistemi di sicurezza.

Articolo 1 di 5