Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Ambienti e workload multi-cloud: l’approccio di IBM Spectrum Storage

pittogramma Zerouno

News

Ambienti e workload multi-cloud: l’approccio di IBM Spectrum Storage

12 Apr 2018

di Redazione

Gli ambienti multi-cloud pongono all’IT nuove sfide: dalla complessità di gestione dei singoli portali e processi dei vari fornitori, alla crescita disordinata, che rende difficile mantenere traccia di quali applicazioni stanno girando, dove, e quanto stanno costando, giorno dopo giorno. La famiglia di soluzioni di Big Blue, attraverso un approccio software defined storage, offre una risposta a queste problematiche dalla prospettiva dell’ottimizzazione della gestione del dato

Oggi un numero crescente di imprese punta a sfruttare la potenza degli algoritmi e delle applicazioni di intelligenza artificiale (AI) per migliorare l’attività di business e rispondere in maniera più efficace ed efficiente alle esigenze di utenti e consumatori, se possibile arrivando ad anticipare i loro bisogni. Tuttavia, per trasformarsi davvero in imprese ‘data-driven’, e sfruttando realmente tutto il valore dei dati per soddisfare, e prevedere sempre meglio, le necessità dei vari mercati, le aziende si trovano sul punto di dover compiere un salto di qualità nell’IT: per funzionare in modo efficace, le soluzioni di AI richiedono infatti l’adozione di nuove categorie di sistemi di gestione dei dati; in particolare, le applicazioni di intelligenza artificiale, i loro casi d’uso, e i relativi workload che generano a livello di storage, non risultano più gestibili unicamente attraverso i tradizionali data center, ma impongono sempre più il ricorso al cloud. Da ciò consegue che la diffusione di tali evolute applicazioni sta portando all’attenuazione delle linee di demarcazione tra i data center e la nuvola. Più esattamente, oggi servono sistemi di amministrazione dello storage in grado di spostare e gestire i dati e le applicazioni in modo trasparente tra ambienti on-premise e cloud, per ottimizzare le prestazioni, i costi economici e molte altre priorità di business.

Dal paradigma ‘hybrid cloud’ al modello multi-cloud

Solitamente per rispondere alla necessità di far girare alcuni workload ‘in house’ e usare il cloud pubblico quando si verificavano picchi di domanda computazionale, le imprese hanno cominciato a utilizzare il cloud ibrido, ossia un ambiente di cloud computing costituto da un mix di cloud privato ‘on-premise’ e di cloud pubblico fornito da terze parti.

La successiva evoluzione, tutt’ora in corso, è quella che porta dal cloud ibrido verso le architetture multi-cloud: con queste ultime, l’IT tradizionale e i data center si trasformano in hub di molteplici piattaforme cloud, in grado di operare assieme in maniera fluida e trasparente per erogare applicazioni di business più agili, anche nella gestione dei dati in mobilità. Nel modello multi-cloud, le organizzazioni si avvantaggiano di molteplici risorse cloud, pubbliche e private, per raggiungere gli obiettivi di business: oggi in genere un’implementazione multi-cloud può essere costituita da un mix di ambienti IaaS (infrastructure as-a-service), come IBM Cloud, Amazon Web Services e Microsoft Azure.

Direzioni IT, i tanti ‘mal di testa’ sul multi-cloud

La ragione per cui la maggioranza delle imprese desidera implementare un ambiente multi-cloud è offrire ai propri clienti un modello di consumo simile a quello fornito dai public cloud provider. Scegliere il multi-cloud significa anche evitare il ‘data lock-in’ con un solo provider e aumentare il valore dei servizi offerti, ma questa architettura non è priva di inconvenienti: gli ambienti multi-cloud, in cui per esempio si utilizza un vendor per gli aspetti di sicurezza, un altro per la parte di compliance, e dove vi possono essere sovrapposizioni nei servizi di storage e backup, generano molte nuove sfide e mal di testa ai responsabili IT. Tra i punti dolenti, si va dalla complessità di gestione dei singoli portali e processi dei vari fornitori, alla crescita disordinata degli ambienti multi-cloud, che rende difficile mantenere traccia di quali applicazioni stanno girando, dove, e quanto stanno costando, giorno dopo giorno. Vi sono i problemi di migrazione di app e servizi da un’implementazione cloud ibrida (private-public) esistente verso i molteplici cloud, in cui si desidera trasferire e dispiegare in automatico gli standard e le policy già in essere. Vi sono i numerosi requisiti di compliance (HIPAA, PCI DSS, FISMA, SOX) che ogni specifico provider dovrà soddisfare prima di diventar parte dell’infrastruttura multi-cloud dell’impresa; e vi sono, non certo per ultimi, gli aspetti di security, da considerare con attenzione prima di firmare un SLA con un determinato provider sulle responsabilità coperte in caso di violazioni e perdite di dati.

IBM, soluzioni multi-cloud ‘software-defined’ a 360 gradi

La suite IBM Spectrum Storage si posiziona proprio per indirizzare e risolvere le preoccupazioni delle imprese, quando migrano verso un’architettura multi-cloud. Si tratta di una famiglia completa di soluzioni software-defined storage (SDS) per tutti i tipi di dati, residenti on-premise o nel cloud, ed è in grado di amministrare i workload che necessitano di un’infrastruttura multi-cloud, come quelli legati all’intelligenza artificiale o alle applicazioni analitiche.

IBM Spectrum Storage Suite abilita il supporto di ogni sfaccettatura, aspetto tecnico e normativo connessi alla gestione di un ambiente multi-cloud, attraverso un’ampia famiglia di software: IBM Spectrum Control, per esempio, fornisce un’efficiente gestione ‘analytics-driven’ dell’infrastruttura per lo storage software-defined, virtualizzato o nel cloud; IBM Spectrum Protect è invece una piattaforma di protezione dati che offre alle imprese un singolo punto di controllo e amministrazione nelle attività di backup e recovery; IBM Spectrum Archive è un’interfaccia che abilita le organizzazioni a spostare con facilità, dalle unità disco sulle unità a nastro, e senza bisogno di usare applicazioni proprietarie, i dati a cui si accede con scarsa frequenza, riducendo il TCO (total cost of ownership) del sistema di archiviazione; IBM Spectrum Virtualize permette di virtualizzare gli ambienti di storage tradizionali per ottimizzare la capacità di memorizzazione, spostando i dati tra differenti pool di storage, senza causare interruzioni nel funzionamento delle applicazioni o nelle attività degli utenti; IBM Spectrum Accelerate consente di implementare una piattaforma di storage enterprise in circa mezz’ora utilizzando i server x86 esistenti; IBM Spectrum Scale, infine, è una soluzione di storage a elevate prestazioni e scalabilità, in grado di gestire fino a un miliardo di petabyte di dati non strutturati.

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in rivista, portale www.zerounoweb.it e una linea di incontri con gli utenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 4