Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Un ambiente di sviluppo nativo per Kubernetes, è il nuovo annuncio Red Hat

pittogramma Zerouno

News

Un ambiente di sviluppo nativo per Kubernetes, è il nuovo annuncio Red Hat

Basato sul progetto di ambiente integrato di sviluppo (IDE) open source Eclipse Che, CodeReady Workspaces è ottimizzato per Red Hat OpenShift e Red Hat Enterprise Linux

15 Feb 2019

di Redazione

Red Hat CodeReady Workspaces è il nuovo ambiente di sviluppo browser-based e nativo per Kubernetes presentato da Red Hat, società attiva nella fornitura di soluzioni open source. Si tratta di uno strumento progettato per consentire una più efficace collaborazione all’interno di un team di sviluppo.

Basato sul progetto di ambiente integrato di sviluppo (IDE) open source Eclipse Che, CodeReady Workspaces è ottimizzato per Red Hat OpenShift e Red Hat Enterprise Linux. CodeReady Workspaces è progettato per offrire ai team, di sviluppo enterprise un ambiente di sviluppo condiviso, che include gli strumenti e le interconnessioni necessarie per scrivere, creare, testare, operare ed effettuare il debug di applicazioni container-based.

“L’ascesa di applicazioni cloud-native e di Kubernetes come piattaforma per i workload moderni – ha spiegato Brad Micklea, senior director, Developer Experience and Programs, Red Hat – richiede un cambiamento nel modo in cui gli sviluppatori affrontano creazione, test e implementazione delle loro applicazioni critiche. I tool di sviluppo disponibili attualmente non affrontano in modo adeguato la necessità sempre maggiore di uno sviluppo in ambito container, una sfida a cui noi forniamo una risposta con Red Hat CodeReady Workspaces. Primo IDE native per Kubernetes e creato sulla base della nostra estesa esperienza di collaborazione nella community di Eclipse Che, Red Hat CodeReady Workspaces offre ai team di sviluppo enterprise una piattaforma collaborativa e scalabile che può mettere gli sviluppatori nella condizione di rendere disponibili nuove applicazioni per Kubernetes e collaborare su applicazioni container-native, il tutto in modo più efficace ed efficiente.”

Red Hat CodeReady Workspaces opera all’interno di un cluster Kubernetes e gestisce il codice, le interdipendenze e gli artefatti dello sviluppatore all’interno di container e di pod di OpenShift. Se gli strumenti tradizionali possono sfruttare i vantaggi di Kubernetes solamente nella fase finale di test e implementazione, CodeReady Workspaces porta fin dall’inizio lo sviluppatore all’interno di OpenShift, affrontando problematiche che di solito gli sviluppatori si trovano di fronte quando trasferiscono le applicazioni dalle piattaforme di sviluppo ai sistemi di produzione. Gli sviluppatori non devono essere esperti di Kubernetes o OpenShift per usare l’IDE. CodeReady Workspaces è pensato per poter gestire gli artefatti Kubernetes in background, in modo che gli sviluppatori possano iniziare con semplicità a sviluppare applicazioni containerizzate all’interno di OpenShift.

Red Hat CodeReady Workspaces introduce, inoltre, un’importante funzionalità di condivisione chiamata Factory. Una Factory è un template che contiene la collocazione del codice sorgente, la configurazione di runtime e tooling e i comandi necessari per un progetto. Le Factory permettono ai team di sviluppo di essere immediatamente operativi all’interno di un ambiente di sviluppo nativo Kubernetes, entro pochi minuti. I membri del team possono usare ogni dispositivo, ogni sistema operativo (OS) e ogni IDE per accedere al proprio worskpace, proprietario o condiviso.

Infine, Red Hat CodeReady Workspaces è una piattaforma ideale per le organizzazioni che adottano una filosofia DevOps. OpenShift permette ai team IT o di sviluppo di gestire workspace su ampia scala con un’infrastruttura programmabile e personalizzabile, che consente loro di controllare funzionalità, caratteristiche di sicurezza e performance del sistema.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Un ambiente di sviluppo nativo per Kubernetes, è il nuovo annuncio Red Hat

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4