Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Il presidente di Assinform sul Piano E-Government 2012

pittogramma Zerouno

Il presidente di Assinform sul Piano E-Government 2012

28 Gen 2009

di Riccardo Cervelli

Il piano di E-Government  2012, presentato nelle scorse settimane dal ministro della Funzione pubblica Renato Brunetta, “può funzionare da manovra anticiclica per contrastare la crisi in atto e stimolare nel Paese un circolo virtuoso, con la creazione di domanda qualificata di infrastrutture tecnologiche avanzate e sviluppo d’innovazione informatica sul territorio”. Ne è convinto il presidente di Assinform Ennio Lucarelli, il quale ha anche assicurato che la sua associazione “contribuirà nelle sedi istituzionali per un efficace approfondimento del Piano e, ove necessario, proporre i miglioramenti più utili”.
Il numero uno dell’associazione che raccoglie le imprese di Information Communications Techonology aderenti a Confindustria, ha anche evidenziato quali criticità potrebbero impedire all’intervento messo a punto dal Governo di raggiungere i suoi obiettivi. “Da una parte la scarsa copertura finanziaria del Piano, che oggi può contare solo su poco più del 20% delle risorse necessarie, può essere motivo di allungamento dei tempi di attuazione dei progetti che rischiano, così, l’obsolescenza tecnologica prima di essere completati; dall’altra la grande molteplicità e varietà dei progetti senza una precisa scala di priorità, che leghi gli interventi fra di loro e ai temi strategici per il Paese, fanno temere finanziamenti a goccia, con il ripetersi di esperienza fallimentari già percorse”.

Riccardo Cervelli
Giornalista

57 anni, giornalista freelance divulgatore tecnico-scientifico, nell’ambito dell’Ict tratta soprattutto di temi legati alle infrastrutture (server, storage, networking), ai sistemi operativi commerciali e open source, alla cybersecurity e alla Unified Communications and Collaboration e all’Internet of Things.

Argomenti trattati

Approfondimenti

E
Esperienza
I
Intelligenza Artificiale

Articolo 1 di 5