Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

E-mail in cloud per l’Usda

pittogramma Zerouno

E-mail in cloud per l’Usda

15 Feb 2012

di Daniele Lazzarin

L’US Department of Agriculture (Usda) ha da poco deciso di consolidare il suo ambiente e-mail per 120mila utenti, frammentato in 21 sistemi diversi, passando a una soluzione cloud. La fase select ha portato a stimare risparmi per 6 milioni di dollari/anno, con eliminazione di duplicazioni, interfacce e hardware, una migrazione di mesi invece di un upgrade di vari anni e l’integrazione diretta con tool di comunicazione web 2.0 come SharePoint e Live Meeting. La fase ‘provision’ è stata quella decisiva:
– Aggregazione della domanda: con una sola soluzione invece di 21, l’Usda ha potuto aggregare la domanda, raccogliere tutte le esigenze e far valere un forte potere contrattuale.
– Integrazione: con l’aiuto di un system integrator sono state adattate 700 applicazioni integrate con i sistemi e-mail, e solo 4 hanno richiesto interventi sul codice.
– Negoziazione: l’Usda ha ottenuto mediante benchmark le migliori condizioni, imponendo anche espliciti Sla nel contratto.
Per la fase ‘manage’ è stato creato un team permanente di contract management, con particolare attenzione per gli aspetti di gestione dei dati entro i confini Usa, uptime minimo, performance e disponibilità.

Daniele Lazzarin
Giornalista

Ingegnere gestionale (Politecnico di Milano) e giornalista professionista dal 1999. Scrivo di progetti di digitalizzazione nelle aziende e business application su Digital4, sia per la rivista di carta sia per il sito web, prevalentemente sui canali Digital4Executive, Digital4SupplyChain, Digital4PMI, Digital4Finance, Digital4Manufacturing.

Argomenti trattati

Approfondimenti

H
Hardware
E-mail in cloud per l’Usda

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 5