Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Nasce Confindustria Digitale, la Federazione delle imprese Ict

pittogramma Zerouno

Nasce Confindustria Digitale, la Federazione delle imprese Ict

09 Giu 2011

di ZeroUno

Confindustria Digitale è la nuova Federazione che raggruppa le aziende Ict: oltre 250.000 addetti per un fatturato complessivo di 70 miliardi di euro

È nata “Confindustria Digitale”: una nuova Federazione che rappresenta il polo di rappresentanza delle imprese Ict all’interno di Confindustria e si prefigge l’obiettivo di promuovere lo sviluppo dell’economia digitale per rilanciare la competitività del nostro Paese. Confindustria digitale raggruppa imprese che occupano in totale oltre 250.000 addetti per un fatturato complessivo di circa 70 miliardi di euro.
Fondata da Assotelecomunicazioni-Asstel (imprese di Telecomunicazioni), Assinform (aziende di Information Technology), Anitec (produttori di tecnologie e servizi di Ict e Consumer Electronics), Aiip (associazione degli Internet Provider), Confindustria Digitale è presieduta da Stefano Parisi, presidente di Asstel e vedrà presto aggiungersi altre associazioni nella convinzione che lo sviluppo tecnologico è la condizione fondamentale per favorire gli investimenti sia pubblici che privati.
Stefano Parisi, affiancato da Paolo Angelucci, a capo di Assinform, e Cristiano Radaelli di Anitec nel ruolo di vice presidenti, ha così commentato: “La creazione di un unico e forte polo di rappresentanza delle imprese della filiera dell’informatica, delle telecomunicazioni e dell’elettronica di consumo, nell’ambito di Confindustria, costituisce un passaggio importante per promuovere lo sviluppo dell’economia digitale. La nascita di Confindustria Digitale corrisponde all’esigenza di radicare in Italia un progetto-Paese di trasformazione dell’economia e della società, capace di sfruttare le grandi potenzialità delle tecnologie digitali – ha aggiunto Parisi – La creazione di un unico e forte polo di rappresentanza dell’ industria dell’Ict, in linea con quanto avviene in altri paesi europei, costituisce un passaggio necessario a valorizzare la convergenza fra le tecnologie dell’informazione e della comunicazione elettronica, enfatizzare le nuove opportunità di crescita economica, promuovere le capacità innovative che nel nostro Paese esprimono le aziende del settore Ict. Il nostro compito sarà quello di contribuire alla creazione delle condizioni migliori per favorire gli investimenti e realizzare anche in Italia gli obiettivi dell’Agenda Digitale, promovendo l’uso di internet e lo sviluppo dei servizi digitali sia nel settore privato che nel settore pubblico”.
Confindustria Digitale, all’interno del sistema confederale, agirà con strutture e direzione più snelle, cambi ai vertici a rotazione con l’intento di adeguarsi ai cambiamenti repentini che l’innovazione tecnologia richiede.

ZeroUno

Articolo 1 di 3