Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IoT e sicurezza nell’industria 4.0: la situazione nel manifatturiero

pittogramma Zerouno

News

IoT e sicurezza nell’industria 4.0: la situazione nel manifatturiero

23 Apr 2019

di Redazione

Implementare tecnologie IoT in ambienti datati significa esporre a gravi rischi tutta l’organizzazione, la convergenza tra IT e OT troppo spesso avviene ancora in contesti vulnerabili: i dati della ricerca Trend Micro

Nell’attuale era di IoT e iperconnessione è fondamentale mantenere il focus sulla cybersecurity, è il monito di Trend Micro che ha reso noti i risultati della ricerca “Securing smart factories: threats to manufacturing environments in the era of industry 4.0“.
I produttori stanno investendo molto per far convergere i tradizionali sistemi di operational technology (OT) con le reti IT, ma in alcuni casi implementano nuove tecnologie in ambienti che sono ancora vulnerabili a minacce di dieci anni fa.

Lo studio evidenzia gli attacchi che colpiscono il settore manifatturiero, inclusi i rischi associati con IT, OT e IP. Le reti operative che prima erano isolate vengono connesse alle reti IT per aumentare l’efficienza, ma questo espone ai rischi quei protocolli proprietari che non sono sicuri e apparecchiature OT vecchie di decenni, che spesso non hanno le patch aggiornate. Esiste un grosso sbilanciamento tra le importanti operazioni che questi dispositivi svolgono e il fatto che siano anni che operano nonostante tutte le vulnerabilità note.

Secondo Gartner “Le implicazioni di security negli ambienti OT, non sono state né scoperte né gestite per anni. Il risultato è che le attuali reti OT sono costellate da un insieme di protocolli di produzione, asset non identificati, sistemi legacy e dispositivi vari. Questi componenti industriali utilizzano molti canali di comunicazione tra le reti corporate e IT che non sono sicuri e si basano su architetture di vendor e standard di sicurezza differenti”.

Inoltre, nonostante le infrastrutture legacy continuino a essere utilizzate, nuove vulnerabilità continuano a essere scoperte. Nel 2018, le vulnerabilità delle interfacce uomo macchina (HMI) dei sistemi di controllo industriale, sono infatti cresciute del 200% rispetto agli anni precedenti.

I produttori sono quindi esposti ad attacchi mirati, malware e ransomware che possono danneggiare i processi chiave di produzione e causare grossi danni economici e di reputazione.

“L’Industry 4.0 – ha affermato Steve Quane, Executive Vice President, Network Defense and Hybrid Cloud Security for Trend Micro – offre opportunità senza precedenti che aumentano la produttività, migliorano l’efficienza dei processi e consentono una produzione on-demand, ma i rischi per le strutture crescono. Come sottolineato da questa ricerca, la convergenza di IT e OT potrebbe involontariamente avere un grave impatto sulle linee di produzione e potrebbe portare alla perdita di vantaggi competitivi”.

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Argomenti trattati

Approfondimenti

I
IoT
R
Ransomware
IoT e sicurezza nell’industria 4.0: la situazione nel manifatturiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4