L'impatto del Covid su retail ed ecommerce | ZeroUno

L’impatto del Covid su retail ed ecommerce

pittogramma Zerouno

Grafici interattivi

L’impatto del Covid su retail ed ecommerce

20 Lug 2021

di Redazione

Le analisi precedenti alla pandemia da Covid 19 prevedevano che le vendite al dettaglio globali sarebbero ammontate a circa 26,7 trilioni di dollari entro il 2022, rispetto a circa 23,6 trilioni di dollari nel 2018. I valori sono relativi a tutta la catena del valore: dalla produzione alla vendita al consumatore o a un rivenditore.




Impatto del Covid su retail ed ecommerce

A causa della pandemia nel 2020 la domanda di beni di consumo confezionati (CPG) è aumentata vertiginosamente in diversi paesi. Le vendite di CPG sono cresciute del 5,9% in Grecia rispetto all’anno precedente; solo il Regno Unito è stato un outlier con solo lo 0,7% di crescita durante l’anno.

WHITEPAPER
Come aumenti l’engagement dei consumatori cinesi? La strategia di The Mall Luxury Outlets

All’inizio della pandemia, erano state segnalate carenze di cibo e forniture nei negozi di alimentari locali in tutto il mondo. Nel marzo 2020, i consumatori di molti paesi ritenevano che ciò fosse più probabilmente dovuto alle persone che accumulavano articoli, piuttosto che alle interruzioni della fornitura e della distribuzione. In Australia, Francia e Regno Unito, ad esempio, oltre l’85% dei consumatori ritiene che la causa della carenza di negozi di alimentari locali sia dovuta alle persone che accumulano cibo e altri prodotti. Ma in realtà c’è stato un impatto importante su tutte le catene di approvvigionamento con rallentamenti nella produzione di diversi beni per il mancato arrivo di componenti o materie prime.



La pandemia ha fortemente influenzato il comportamento dei consumatori in tutto il mondo: a ottobre 2020, il traffico online nel segmento dei supermercati è aumentato del 34,8% rispetto al periodo di riferimento di gennaio 2020 mentre le visite online nel settore turistico sono diminuite del 43,7% durante il periodo misurato.



Per quanto riguarda l’Italia, a marzo 2021 le vendite online di beni di consumo confezionati sono cresciute del 67,4% rispetto allo stesso periodo del 2020 (il periodo del primo lockdown); più che doppia la crescita, confrontando gennaio 2021 con gennaio 2020(quindi pre pandemia) attestatasi sul 142,1%.



Cosa si è acquistato online

Nel 2020, circa la metà dei consumatori in tutto il mondo ha dichiarato che in futuro acquisterebbe principalmente elettrodomestici e prodotti tecnologici online, a causa dell’influenza della pandemia. Mentre un gran numero di persone stava pianificando di acquistare online tali articoli, non molti consumatori erano aperti all’idea di acquistare cibo e bevande online.



Le piattaforme sanitarie digitali hanno subito un aumento del traffico globale del 10% tra gennaio e aprile 2020. Nel complesso, i siti Web di salute e medicina hanno generato 581,37 milioni di visite a maggio 2020, rispetto ai 459 milioni di visite globali a gennaio 2019. Ciò è ovviamente dovuto al COvid che ha costretto milioni di persone a rimanere a casa per fermare la diffusione del virus. Le grandi catene di farmacie come Walgreens o CVS hanno aumentato la loro copertura di pubblico online e anche le startup di telemedicina hanno beneficiato dell’esplosione di ordini online di farmaci da prescrizione e farmaci da banco.

Le piattaforme di e-commerce di libri e letteratura hanno subito un aumento del traffico globale del 16% tra gennaio e marzo 2020. Nel complesso, i siti web che vendono libri e materiali di lettura online hanno generato 1510 milioni di visite a marzo 2020, rispetto a 1340 milioni di visite globali a gennaio 2020. ovviamente a causa della pandemia globale di coronavirus che, tra le altre cose, ha costretto le persone di tutto il mondo a rimanere a casa e rinunciare ai loro soliti tipi di intrattenimento all’aperto. Inoltre, milioni di scolari e studenti ora dipendono dai materiali digitali a causa della chiusura delle scuole.

Il Covid ha avuto un impatto positivo anche sulle forniture per la casa; le piattaforme di arredamento hanno avuto un aumento del traffico globale del 7% tra gennaio e marzo 2020. Complessivamente, i siti web che vendono prodotti di arredamento e arredamento per la casa online hanno generato 1700 milioni di visite a marzo 2020, rispetto a 1560 milioni di visite globali a gennaio 2020. Ampie fasce di dipendenti stanno cercando di lavorare da casa e quindi necessitano di postazioni di lavoro attrezzate.



Le piattaforme di vendita al dettaglio hanno subito un aumento del traffico globale senza precedenti tra gennaio 2019 e giugno 2020, superando anche i picchi di traffico durante le festività. Nel complesso, i siti Web di vendita al dettaglio hanno generato quasi 22.000 milioni di visite nel giugno 2020, rispetto ai 16.070 milioni di visite globali nel gennaio 2020.



.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Argomenti trattati

Approfondimenti

G
Grafici interattivi

Articolo 1 di 5